INVESTIMENTO ONLINE: CONSULENZA UNA NECESSITA’

13 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

In seguito ai forti cali di mercato gli investitori americani ‘fai-da-te’ hanno scoperto che la consulenza finanziaria e’, piu’ che un’opzione, una necessita’.

“Il mercato degli ultimi due anni ha fatto credere agli investitori di essere piu’ in gamba di quanto fossero”, ha commentato Dan Burke della societa’ Gomez, che analizza i servizi finanziari online.

La maggior parte delle societa’ di brokeraggio online offre una varieta’ di servizi a seconda di quanta assistenza il cliente richieda – da calcolatori e ricerche online per gli investitori indipendenti, a consigli telefonici a incontri con consulenti finanziari per chi preferisce essere seguito passo a passo.

Secondo il Wall Street Journal, alcuni broker evitano pero’ di raccomandare titoli specifici a causa delle nuove regole della National Association of Securities Dealers (NASD), che richiedono di conoscere le risorse finanziarie e la tolleranza al rischio dell’investitore prima di consigliare investimenti appropriati.

Per compensare, pero’, gli investitori possono usufruire di risorse sulla Rete.

Suggerimenti Base

La richiesta maggiore da parte degli investitori e’ per strumenti di ricerca.

Dall’autunno scorso all’inizio di quest’anno il broker Charles Schwab (SCH – Nyse) ha registrato un aumento del 40% nel numero di visitatori del suo centro educativo online dove gli investitori possono seguire corsi sui fondamentali dell’investimento o come scegliere un fondo comune.

Sul sito Schwab e’ anche disponibile un calcolatore per determinare se il proprio portafoglio e’ allocato in modo consono alla situazione finanaziaria e alle aspettative.

Simili calcolatori sono disponibili anche ai clienti di TD Waterhouse e in genere a tutti coloro che accedono al sito, ma questi sistemi non sono personalizzati e non offrono una direzione precisa.

Suggerimenti da seguire

“Gli investitori vogliono consigli da poter seguire”, ha commentato Greg Smith di J.P. Morgan H&Q. “E’ importante dar loro particolari titoli o fondi comuni da acquistare “.

In questo senso, i clienti di Schwab possono – a un costo di $400 – analizzare telefonicamente il proprio portafoglio con uno specialista e ottenere specifiche raccomandazioni per gli acquisti. SchwabPlan offre poi consigli per i piani pensionistici.

Quick & Reilly, divisione di FleetBoston Financial, offre ai clienti l’accesso telefonico gratuito ai propri consulenti finanziari – anche senza che il proprio conto online raggiunga un minimo – ma non dispensa consigli specifici sui titoli da acquistare. Viene invece offerta una lista di settori o di fondi comuni tra cui scegliere, in base alle caratteristiche dell’investitore.
Il servizio, secondo la societa’ di brokeraggio online, e’ mirato a guidare l’investitore nella variazione di obiettivo dal guadagno a breve al piano a lungo termine.

Faccia a faccia

I broker online offrono anche servizi simili a quelli offerti da tempo dalle societa’ d’investimento tradizionali. Gli investitori possono quindi decidere di dare al consulente finanziario l’autorita’ di prendere decisioni e attuare scambi in loro vece.

I clienti di Schwab con oltre $100.000 in portafoglio, ad esempio, possono usufruire di consulenti in grado di controllare i loro investimenti e di dare suggerimenti sulla pianificazione personale per una commissione dell’1% .

Simili programmi sono offerti ai clienti di TD Waterhouse con un patrimonio investito di almeno $100.000 e a quelli di Fidelity Investments con portafolgio di $50.000.

E*Trade Group (ET – Nyse) intende mettere in atto entro la fine dell’anno un servizio di consulenza finanziaria per i clienti maggiori, mentre gli investitori con portoglio ridotto potranno accedere a un servizio automatizzato online.

Gli analisti prevedono che i broker online continueranno ad accrescere i servizi offerti e ad avvicinarsi a quelli delle societa’ finanziarie tradizionali.

“Dalle nostre ricerche si rivela che la prossima ondata di investitori che si avvicinera’ ai broker online richiedera’ piu’ guida che nel passato”, ha commentato Matt Carrick, analista di Gomez.

“La presenza fisica di un consulente sta diventando un elemento critico nella scelta del broker online, specialmente nei momenti critici del mercato”.