Inutile cercare colpevoli all’estero. Dobbiamo trovare soluzione da soli

6 Giugno 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo, pubblicato dal Il Sole 24 Ore – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

L’incessante appello agli eurobond che si leva da ogni parte d’Italia rischia di dare un segnale di disperazione. Di proposte ce ne sono molte: dagli eurobond per la crescita a quelli per le banche. Possono essere utili, in alcuni casi sono necessari, ma hanno un elemento in comune: condividere il peso del debito tra i Paesi che ne hanno di più (come il nostro) e quelli che ne hanno meno (principalmente la Germania).

Se qualcun altro paga i nostri debiti, perché no? Si può discutere sulla probabilità che Monti riesca a convincere i tedeschi a questa soluzione (per me pressoché nulla), ma non si può discutere sul fatto che i tedeschi, se anche dovessero accettare, chiederebbero pesanti contropartite. L’illusione italica che l’aiuto straniero venga senza alcun costo veniva già stigmatizzata da Manzoni nell’Adelchi: «E il premio sperato sarebbe a quei forti, sarebbe, o delusi, rivolger le sorti di un volgo straniero por fine al dolor?» In questa contingenza l’Italia deve trovare una soluzione da sola. Se poi l’aiuto straniero viene, ben venga, ma almeno lo possiamo trattare da un punto di forza e non di debolezza.

Il nostro principale problema è un debito difficilmente sostenibile. È inutile che cerchiamo di scaricare la colpa sulla speculazione malvagia, il nostro è un problema reale. Con un tasso di interesse reale sul debito pubblico che si aggira intorno al 4% e un tasso di crescita vicino allo zero, noi abbiamo bisogno di un avanzo primario del 4,8% solo per non far esplodere il debito. Se poi volessimo ridurlo, dovremmo avere un avanzo primario ancora maggiore. Anche se il tasso di interesse reale si attestasse su livelli più normali (diciamo un 2% reale) l’avanzo primario dovrebbe essere del 2,4%. Per ottenere questo avanzo primario medio, il target deve essere almeno del 4%, per compensare i peggioramenti durante le recessioni. Possiamo credibilmente sostenere questo avanzo per i prossimi trent’anni? Ne dubito. E così ne dubita il mercato.

Certo la soluzione migliore sarebbe ricominciare a crescere. Questo risolverebbe tutti i nostri problemi. Ma dobbiamo tenere in conto che il declino di natalità e l’invecchiamento della popolazione creano un declino tendenziale del Pil di mezzo punto percentuale l’anno. Quindi per crescere all’1% dobbiamo avere un aumento della produttività del 1.5% l’anno, quando negli ultimo anni tale aumento è stato pari a zero.

Per recuperare la credibilità sul mercato esistono solo due vie. La prima è un piano di privatizzazioni massicce e di vendita o cartolarizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato che raccolga 400 miliardi e riduca il rapporto debito Pil sotto il 100%. Come già scritto più volte, questo piano avrebbe non solo benefici dal punto di vista fiscale, ma anche dal punto di vista della crescita. Tagliando il sottobosco politico e clientelare, reintrodurrebbe un po’ di meritocrazia nel sistema. Il problema è che i tempi di attuazione non sono immediati e il mercato non sembra più fidarsi delle promesse future.

L’alternativa è un piano di ristrutturazione “volontaria” del debito. Quando le imprese non riescono a sostenere il proprio debito, lo ristrutturano. E quando la maggior parte del loro debito sono obbligazioni lo fanno attraverso delle offerte di scambio. Per riuscire, queste offerte devono promettere a chi scambia qualcosa in più in cambio di una riduzione del valore nominale del debito. In genere il qualcosa in più è una priorità nei pagamenti.

Lo stesso potrebbe fare l’Italia. Potrebbe offrire a chi scambia un debito emesso secondo la legge inglese e come tale non ridenominabile in lire in caso di fine dell’euro, con una priorità assoluta su un cespite delle entrate, diciamo il gettito dell’ Iva. Queste condizioni renderebbero il debito emesso molto più garantito e quindi permetterebbero un tasso di interesse reale di gran lunga inferiore. Di fatto questo debito avrebbe priorità su quello esistente, rendendo molto pericoloso per gli attuali creditori non scambiare il loro debito con quello di nuova emissione. Per questo lo scambio potrebbe avvenire non alla pari: l’obiettivo (possibile) sarebbe di far scambiare vecchio debito del valore nominale 100 con nuovo debito col valore nominale di 83 centesimi. Questo basterebbe a ridurre il debito sul Pil al di sotto del 100% e metterebbe in sicurezza il paese da ogni crisi di fiducia derivanti da eventuali crolli di Grecia e Spagna.

Se nel 2010 la Grecia avesse fatto un’operazione simile si sarebbe risparmiata molte delle sofferenze attuali, facendo gravare parte del peso della ristrutturazione sui creditori esteri. Aspettando due anni e permettendo ai creditori esteri di rientrate dai loro investimenti, la Grecia oggi si trova in una situazione di gran lunga più complicata. Se l’Italia aspetta si troverà nella stessa situazione. A quel punto saremmo in balia degli eventi, potendo contare solo su di un salvataggio straniero. Come Manzoni e la storia ci insegnano, il gioco non vale la candela.

Copyright © Il Sole 24 Ore. All rights reserved

_________________________________________________

commento di Giovanni Zibordi:

Nell’editoriale del Sole24 ore di oggi il top economista italiano Zingales (con cattedra a Chicago) fa una proposta per risolvere il problema del debito pubblico. Come prima cosa calcola che stiamo pagando tassi di interesse REALI (al netto dell’inflazione) del 4% e questo su un debito del 120% del PIL in un paese che è votato all’austerità garantisce il Default dell’italia. Zingales non dice quando perchè non lo sa ovviamente neanche lui, ma è utile sapere che l’editoriale del maggiore quotidiano finanziario scrive per bocca di quello che è uno dei due o tre top economisti italiani nel mondo che siamo avviati al default. C’è un articolo su Phastidio.net (che è un altro economista competente) che discute la proposta poi di Zingales molto bene e conclude alla fine che non funzionerà.

Dato che (stranamente) a nessuno è venuto in mente di pagarmi per discutere queste cose tralascio i dettagli, ma se ci si fida qui hai due che sanno quello che dicono e in base ai numeri che Zingales mostra e in base ai ragionamenti che Semeraro fa sulla sua scia, noti che NON esiste soluzione. Zingales fa un analisi corretta e poi propone una soluzione di ingegneria finanziaria (dismissioni, bonds di diritto inglese vincolati al gettito IVA per rassicurare gli investitori) che l’altro gli smonta bene.

Se hai la voglia di leggerli vedi che la soluzione logica e inevitabile è quindi una sola: cedere la sovranità finanziaria ad una entità europea, un “Ministero delle Finanze” UE, dominato come è logico dai paesi germanici, in cambio della garanzia europea per il nostro debito. In questo modo cedi di fatto la sovranità finanziaria (con un prestanome come Monti) e in cambio Germania, Olanda, Austria e Finlandia garantiscono il tuo debito e questa garanzia comune fa scendere i tassi di interesse dal 4% REALE attuale (al netto dell’inflazione) all’1% o 2%.

Nell’ambito del sistema attuale in cui siamo inseriti quindi le nostre teste economiche migliori (come sono questi due esperti) concludono che bisogna arrendersi, farsi mettere sotto tutela finanziaria, farsi interdire.

C’è solo un altro piccolo fatto.

L’economia italiana da 10 o 15 anni cresce all’1% e il tuo debito nel caso migliore costa l’1% in termini reali, quindi anche così, dato che NON RIDUCI IL DEBITO che resta il 120% del PIL e cresce perchè paghi comunque un tasso di interesse REALE positivo, sei fottuto. Solo sei fottuto in modo più lento e senza traumi improvvisi, in modo disciplinato.

Un “Ministero delle Finanze” europeo ti impone infatti di ridurre il debito dal 120 al 80 o 70% del PIL come sappiamo ormai tutti e ti mette MarioMonti e quando ha un infarto o l’alzheimer manifesto un suo clone. Quindi subisci un salasso di dismissioni e tasse, tasse e tasse per altri vent’anni. Non faccio demagogia, Monti in marzo ha fatto votare al parlamento che dobbiamo avere entrate pubbliche (tasse) maggiori delle spese per altri 20 anni, fino a quando il debito pubblico non scenda di circa altri 800 miliardi!.

Quindi per altri 20 o 30 anni dissangui l’economia privata, le famiglie e le imprese italiane. Ma non fai crac! Non fai default! Non esci dall’euro! Quindi i mercati obbligazionari gongolano e si ingrassano per altri vent’anni succhiandoti il sangue, solo più lentamente. E le borse hanno qualche rimbalzo e l’euro oscilla giù ma anche su…

Ovviamente l’economia reale italiana soffoca di una morte lenta, ma con l’anestesia,svuoti la tua economia, ma senza scosse, ti sveni ma piano piano. Contando sul fatto che l’età media degli italiani va per cinquanta anni per cui non si alzano dalla poltrona per tirare molotov come gli egiziani. Anche perchè sono impegnati a compilare i loro duecentocinquanta adempimenti fiscali, fare la fila ad Equitalia e rispondere alle lettere del Fisco che gli contesta che hanno fatto una vacanza che eccede il loro reddito presunto.