INTESA SANPAOLO E UNICREDIT DIRANNO NO AI TREMONTI BOND

26 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Unicredit e Intesa SanPaolo si avviano a dire di no ai Tremonti-bond. Lo faranno in contemporanea , martedì prossimo, pur seguendo strade diverse. Lo si legge su ‘IlSole24Ore’. “A meno di sorprese dell’ultima ora – scrive il quotidiano economico-finanziario – Unicredit marcia ormai dritto verso l’aumento di capitale, che sarà offerto in opzione ai soci a prezzo scontato rispetto ai valori di mercato. L’operazione interamente garantita da un ampio consorzio bancario, di cui fanno parte Merrill Lynch, Mediobanca, Goldman Sachs, Ubs e Credit Suisse. E dovrebbe avere il sostegno delle fondazioni”. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare con titoli aggressivi in fase di continuazione del rialzo e difensivi in caso di volatilita’ e calo degli indici, basta accedere alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo ora: costa solo 76 centesimi al giorno, provalo ora!.

Quanto a Intesa Sanpaolo, “nessuna decisione è stata ancora presa, ma l’orientamento pare quello di poter fare a meno degli aiuti di Stato”. Lunedì si riuniranno i comitati interni di Intesa Sanpaolo e “in quella sede saranno fatte le prime valutazioni”. Il giorno dopo l’amministratore delegato, Corrado Passera, porterà la propria proposta al consiglio di gestione e “la prenotazione di 4 miliardi di euro di Tremonti-bond dovrebbe essere lasciata cadere”. Secondo ‘IlSole24Ore’ prende “sempre più consistenza l’ipotesi che il rafforzamento patrimoniale venga affidato alle previste cessioni (che però con ogni probabilità non saranno annunciate già martedì) e al lancio di un prestito obbligazionario ibrido da 1-1,5 miliardi di euro che impatterà sul Tier1.