Insider trading: scattano manette Fbi tra New York e Boston

18 Gennaio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Scattano le manette dell’Fbi tra New York e Boston. I “colpevoli” sono tre persone accusate di insider trading. Ma non sarebbe finita qui, in quanto gli imputati, secondo la televisione Bloomberg, sarebbero in tutto sette.

Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, gli agenti dell’Fbi hanno arrestato a Boston Todd Newman, ex gestore di portafoglio presso l’hedge fund Diamondback Capital Management, che si occupa di investimenti nel settore tecnologico.

Gli altri due arrestati sono Jon Horvath, dipendente di Sigma Capital Management, affiliata dell’hedge fund SAC Capital Advisors, a Manhattan e infine di Anthony Shiasson, co-fondatore di un ex gruppo di hedge fund Level Global Investors LP, a New York.