INSIDER TRADING DAGLI SCHERMI DI CNBC?

16 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Scoppia un caso di insider trading ai margini del canale finanziario TV CNBC. Secondo uno studio di cui oggi e’ trapelata notizia alcuni investitori a Wall Street compravano (e vendevano) azioni 10 minuti prima che Maria Bartiromo, l’anchor della TV controllata da General Electric, menzionasse gli stessi titoli in onda.

Lo studio e’ stato redatto da due professori di Finanza con cattedra alla Business School della Emory University (Atlanta, Georgia): Jeffrey Busse e Clifton Green.

I due accademici hanno dimostrato, nero su bianco, che i titoli di cui parlava la Bartiromo dagli schermi erano (sono?) al centro di volumi di trading insolitamente alti, non dopo la messa in onda, come e’ normale, ma 5-10 minuti prima.

Il che significa che qualcuno, negli ambienti finanziari di Wall Street, sapeva in anticipo di quali azioni la Bartiromo avrebbe parlato su CNBC.

Secondo il New York Post, che ha pubblicato oggi la notizia, ci sono sicuramente gli estremi per un’indagine da parte della Sec su attivita’ illecite di insider trading.

Tuttavia i due professori universitari ritengono che la giornalista non sia coinvolta; piuttosto, a sua insaputa le fonti delle informazioni potrebbero aver approfittato del fatto che alcuni titoli sarebbero stati con certezza menzionati nei programmi del canale televisivo.

Il meccanismo comunque era il seguente: alcuni trader aprivano posizioni in acquisto su titoli su cui non erano disponibili informazioni o notizie pubbliche o reperibili sulle agenzie finanziarie, e vendevano immediatamente dopo lo stock picking in diretta della Bartiromo.

I profitti erano instantanei; secondo lo studio una media di 61 punti base per azione.