INGEGNERIA MADE IN ITALY, NUOVO EXPORT MILANESE

26 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Milano, 26 lug – Due indonesiani, un brasiliano, due ucraini, uno slovacco, undici cinesi, un turco, un giordano, un vietnamita, uno studente proveniente dal Bangladesh, uno dallo Zambia e uno dalla Corea del Sud. Si compone così il primo team internazionale di studenti che, grazie al progetto “Formare ingegneri stranieri in Italia”, conseguiranno oggi il titolo di laurea specialistica nei poli regionali di Como e di Lecco del Politecnico di Milano. I ragazzi saranno proclamati Ingegneri Gestionali, Informatici, Meccanici o Edili a seconda del corso di laurea specialistico frequentato. Nelle sedi di Milano Leonardo e Bovisa tre israeliani, due albanesi, due bulgari, due tedeschi e quattro studenti provenienti rispettivamente da Giappone, Croazia, Slovenia e Perù conseguiranno l’ambito diploma nei settori dell’Ingegneria, della Architettura e del Design. Una grande soddisfazione per l’Ateneo che da anni investe nell’internazionalizzazione, non solo al fine di attrarre i migliori talenti dall’estero ma anche per formare professionisti altamente specializzati che possano diventare punti di riferimento per il sistema industriale italiano nei loro paesi d’origine. Il progetto “Formare Ingegneri stranieri in Italia” ha preso avvio nell’anno accademico 2005-2006. Obiettivo perseguito dal Politecnico è formare 100 studenti stranieri all’anno. Oltre alle materie di studio che caratterizzano i corsi, l’attività didattica pone l’accento anche sulle tecnologie e, soprattutto, sulla cultura imprenditoriale e manageriale italiana.