INFRASTRUTTURE TLC: PREVISTO CALO DEL 15%

20 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Paul Sagawa della banca d’affari Sanford Bernstein pensa che non ci sia sollievo in vista per i produttori di apparecchiature per le telecomunicazioni.

L’analista, basandosi sui recenti “profit warning” di Nortel Networks (NT – Nyse), JDS Uniphase (JDSU – Nasdaq), Juniper Network (JNPR – Nasdaq), Nokia (NOK – Nyse) e di altri, ha ridotto le previsioni sulle vendite del settore da una diminuzione dall’11% al 15%, con un ulteriore declino del 6% nel 2002.

“La maggior parte delle societa’ del settore sara’ costretta a preannunciare per questo trimestre vendite inferiori al previsto – ha commentato Sagawa – in particolare Ericsson (ERICY – Nasdaq), Motorola (MOT – Nyse) e persino Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) rischiano di non raggiungere i risultati previsti dagli analisti per questo trimestre e per il resto dell’anno”.

Gli analisti della societa’ di ricerca finanziaria Multex prevedono una perdita di 5 centesimi ad azione per il secondo trimestre e di 10 centesimi ad azione per il 2001 per Ericsson; una perdita di 12 centesimi ad azione per il secondo trimestre e di 10 centesimi per il 2001 per Motorola e utili di 2 centesimi ad azione per il quarto trimestre e di 41 centesimi ad azione per l’anno fiscale 2001 per Cisco.

Sagawa ha rilevato che la crisi della spesa in conto capitale si e’ allargata dagli USA all’Europa e che il suo tasso di crescita smettera’ di scendere all’inizio del 2002 per poi iniziare a salire nel 2003 e tornare a un tasso normale del 10% nel 2004.

L’analista suggerisce anche che le nuove societa’ del settore potrebbero essere piu’ vicine alla bancarotta del previsto e che l’insolvenza di una di queste, quali 360 Networks potrebbe scatenare una reazione a catena.

In questo caso la seconda parte dell’anno potrebbe essere considervolmente peggiore della prima.
Poiche’ Sagawa pensa che ci vorranno almeno altri sei mesi prima di un significativo cambiamento della situazione e altri 18 mesi prima di una ripresa della crescita dell’industria, si dovra’ aspettare la fine dell’anno per avere prezzi migliori e raccomanda quindi di rimanere notevolmente alleggeriti nel settore.

Tra i titoli preferiti: Nokia, Palm (PALM – Nasdaq) e Lucent (LU – Nyse).
Nonostante il recente calo dei prezzi, Sagawa eviterebbe di investire in Nortel, Cisco, Motorola e Ericsson e suggerisce di stare alla larga da societa’ minori quali Ciena (CIEN – Nasdaq), ONI Systems (ONIS – Nasdaq) e Sonus Networks (SONS – Nasdaq) le cui vendite, concentrate in un numero minore di clienti, hanno un maggiore potenziale di calo.