Inflazione: ancora in crescita, ricadute da 420 euro annui a famiglia

16 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Gravissimo il tasso di inflazione in crescita, a marzo, del 2,2%. Tale dato appare in contrasto con le più ovvie regole di mercato. Non si è mai visto, infatti, spiega una nota di Federconsumatori, in presenza di una fortissima contrazione dei consumi, quale quella a cui stiamo assistendo (-2,5% a -3% solo nell’ultimo anno), dovuta alla caduta del potere di acquisto delle famiglie, un tasso di inflazione in continua crescita che, su base annua, comporterà una nuova batosta di ben 420 Euro annui a famiglie”. Ad incidere fortemente sulla crescita dei prezzi è stata anche la continua corsa al rialzo dei prezzi dei carburanti, spesso ingiustificata, come denunciamo da tempo. “È evidente e palese, ormai, che vi sono delle gravi ed intollerabili speculazioni in atto, non solo nel settore dei carburanti” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti. Alla luce di tale evidenza è indispensabile un intervento deciso del Governo: per combattere le speculazioni; per avviare, finalmente, una ripresa dei consumi e dell’economia, resa possibile da un’anticipazione della riforma fiscale che preveda una immediata detassazione per il reddito fisso, da lavoro e da pensione, di almeno 1200 Euro annui; per bloccare le tariffe, come già promesso da diversi mesi; per individuare una soluzione urgente che consenta di frenare gli aumenti dei carburanti, ad esempio, come proponiamo da tempo, con la realizzazione di un’accisa mobile. Solo attraverso tali interventi sarà possibile rimettere in moto l’economia del nostro Paese.