Indipendenza Scozia, inutile suspence: vinceranno sicuramente i NO

18 Settembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

LONDRA (WSI) – Nel referendum scozzese per l’indipendenza, le probabilità di un si sono scese e sono più basse di quanto suggeriscano i sondaggi, dove spesso al gente barea. Il miglior modo per capire l’esito delle urne sono i siti di scommesse, dove le persone puntano soldi veri.

Mentre gli scozzesi si stanno recando alle urne, il si è sempre meno scontato secondo gli scommettitori. Il no è dato al 79%. L’affluenza prevista è da record: oltre l’80%.

L’esito del voto popolare rischia di mandare in subbuglio l’intera Europa dove i movimenti che rivendicano l’indipendenza dallo Stato di appartenenza sono numerosi.

Sul sito Betfair l’indipendenza è data 7 a 2 dopo essere stata pagata 3 a 1 alla fine della settimana scorsa. Scommettendo 100 sterline sul ‘Si’, se ne guadagnerebbero 450. Il “No” in confronto è dato quasi per scontato: garantirebbe solo 127 sterline.

Addirittura la società di scommesse Betfair è così fiduciosa che vinca il comitato del ‘No’, che sta già pagando chi ha puntato sulla vittoria degli unionisti.

I bookmaker del sito stanno sborsando una somma a sei cifre. Nonostante i sondaggi parlino di un testa a testa, con i ‘No’ che sarebbero in leggero vantaggio, i mercati non sembrano particolarmente impauriti dalle prospettive di un ‘Si’. Questo perchè il trend dei mercati rispecchia quello dei siti di scommesse.

I siti come Betfari e William Hill continuano a dare in vantaggio il campo del ‘Better Together’ e i mercati finanziari seguono a ruota, dimostrando di fidarsi più dei bookmaker che dei sondaggi.

L’elevata percentuale degli indecisi alla vigilia del voto (10%) porterebbe a pensare a un esito tutt’altro che scontato. Ma ora Betfair vede un 79% di probabilità che vincano i “No”.

“Storicamente le scommesse dei bookmaker politici hanno offerto una previsione accurata degli esiti referendari e politici”, ha detto Naomi Totten di Betfair.

Da parte loro i mercati finanziari si stanno muovendo con un andamento speculare a quello delle scommesse dei bookmaker.