Indignados a Chicago: 27 arresti, a Boston 100 finiscono in manette

11 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Chicago – Migliaia di manifestanti, tra i quali insegnanti e leader religiosi, hanno manifestato a Chicago contro la disuguaglianza economica, in occasione di due eventi finanziari in corso in città.

Alcuni dimostranti hanno sfilato davanti alla sede di un meeting della Mortgage Bankers Association, mentre altri si sono avvicinati ad un albergo di lusso dove era in corso una conferenza dell’Associazione per l’interscambio dei futures.

Iniziative ispirate, anche se non formalmente collegate, al movimento “Occupa Wall Street’ sorto a New York il mese scorso. Secondo la polizia, circa 3.000 persone hanno partecipato alle manifestazioni organizzate dal movimento “Alzati Chicago”, a cui aderiscono insegnanti, sindacalisti e leader religiosi, e che sul suo sito indica quali obiettivi la restituzione dei “nostri posti di lavoro, le nostre case e le nostre scuole”. Cantando “Noi siamo il 99 per cento”, centinaia di dimostranti hanno manifestato davanti al Chicaco Board of Trade e alla Chicaco Federal Reserve Bank. La polizia ha arrestato 27 persone. Indossando le magliette del sindacato degli insegnanti di Chicago, avevano improvvisato un sit-in occupando la strada.

Sempre nella giornata di oggi la polizia è dovuta intervenire per sgomberare un parco occupato dall’accampamento di Occupy Boston. Circa 100 persone sono state arrestate nel capoluogo del Massachusetts, durante le proteste, stando a quanto ha riferito il commissario della polizia locale al canale televisivo WHDH (via Twitter).

I manifestanti sono stati arrestati perche’ avevano rifiutato di spostarsi dalla Rose Kennedy Greenway, un parco vicino a Dewey Square in cui sono accampati da piu’ di una settimana. Il numero delle persone accampate nella piazza e’ in continuo aumento.