Indebitarsi per mandare i figli a scuola? Un grosso errore

6 Giugno 2019, di Alessandra Caparello

Oltre la metà dei genitori è disposta a indebitarsi per far andare i figli a scuola secondo quanto rivela un nuovo studio del Country Financial. Ma rischiare il proprio futuro finanziario per il bene dell’istruzione universitaria dei nostri figli è un grosso errore, dicono gli esperti.

Le spese per l’istruzione superiore sono aumentate significativamente negli ultimi decenni ed è più difficile che mai permettersi di pagarle. Eppure, secondo un nuovo rapporto di Country Financial, il 56% dei genitori è disposto a indebitarsi per far frequentare la scuola ai propri figli.

Oltre alle spese di insegnamento classiche, la maggior parte dei genitori è disposta a pagare per costosi tutor privati, attività sportive, musicali, linguistiche e artistiche indipendentemente dal fatto che se lo possano permettere o meno. I genitori ovviamente vogliono fare tutto ciò che è in loro potere per aiutare i loro figli ad avere una marcia in più nella vita. A tal fine, il 29% è disposto a sacrificare le ferie e il 26% i propri risparmi, mentre il 18% accetterebbe un prestito e il 17% un ulteriore lavoro part-time. Tuttavia, tre quarti dei genitori credono che sia importante avere una laurea quando si cerca un lavoro e il 65% ha dichiarato che  l’università è ancora un investimento utile. Certo chi ha una laurea guadagna di più: 65.482 dollari, in media nel 2016, contro i 35.615 dollari per chi ha un diploma di scuola superiore, secondo un rapporto del Census Bureau statunitense del 2017.

Ma avvertono gli esperti, è di fondamentale importanza per i genitori di prendersi cura del proprio benessere finanziario prima di tutto.

“La realtà è che il risparmio pensionistico è una necessità e un fondo per il college dei figli un lusso”.