In vacanza con la consulenza finanziaria. Alla scoperta dell’Abruzzo

29 Agosto 2022, di Valentina Magri

La consulenza finanziaria non va in vacanza. Ma i consulenti finanziari, ogni tanto, sì. Ecco perché ci siamo fatti raccontare da loro le bellezze e le particolarità della regione dove vivono. Perché notoriamente, i “locali” sanno sempre consigliare i posti migliori dove andare e mangiare. In questa puntata della nuova rubrica estiva parliamo dall’Abruzzo, dove ci accompagna il consulente finanziario e patrimoniale indipendente Giuseppe Gentileschi.

Quali posti consiglia di visitare?

L’Abruzzo offre soluzioni per tutti i gusti: mare, montagna, campagna e borghi antichi, per vacanze relax, gastronomiche, culturali, sportive o in famiglia. Insomma, ce n’è per tutti. Basti dire che è l’unica regione in cui si può sciare guardando il mare!

Il mio posto preferito è senz’altro la Costa dei Trabocchi, riconosciuta nel 2015 come Patrimonio dell’umanità dall’ Unesco, che comprende il tratto di costa tra Ortona e Vasto. Il modo migliore per visitare la costa (per chi se la sente) è percorrerla lungo la Via verde dei Trabocchi: una pista ciclopedonale di 42 km che parte da Ortona e arriva fino a Vasto, lungo la quale, durante la pedalata ci si può fermare a rinfrescarsi nelle bellissime spiagge della costa, e a mangiare nei tanti locali e ristoranti sul mare.

La Costa e la pista ciclabile arrivano fino alla Riserva Naturale di Punta Aderci (Vasto) dal mare caraibico, un altro luogo assolutamente da visitare, anche per gli amanti dei cani (ci sono bellissime spiagge libere e strutture aperte ai cani).

Oltre alla mitica Costa, i miei luoghi abruzzesi preferiti sono i borghi, come Rocca CalascioSanto Stefano di Sessanio (sul massiccio del Gran Sasso), e Pescocostanzo. Altri luoghi naturali da visitare sono il Lago di Scanno (un lago a a forma di cuore) in provincia de L’Aquila, la Valle dell’Orfento e di Caramanico Terme, le gole e il monastero di San Martino a Fara San Martino, e la Riserva delle gole di San Venanzio.

Infine nei pressi de L’Aquila, per la precisione a Raiano, oltre ai posti già menzionati, una chicca per gli amanti del bello, dell’arte e della cultura: il Palazzo De Michele, una bellissima residenza storica (dove è possibile anche dormire), che ospita anche il Centro Corradino d’Ascanio, una residenza per artisti.

Dove suggerisce di mangiare?

I trabocchi lungo la Costa, sono ormai attrezzati quasi tutti a ristorante (sempre meglio prenotare prima). Tra tutti il migliore è quello di Punta Cavalluccio, situato nell’omonima località, con menù fisso di altissima qualità e tante portate di cucina locale (ma è da sapere che pranzo o cena durano almeno 2 ore… quindi organizzatevi). Sempre lungo la costa dei Trabocchi si trovano molti bar e chiringuiti.

Degustazioni e corsi di cucina, per gli amanti del vino di qualità, sono molto in voga presso le innumerevoli le cantine abruzzesi. Tra le migliori segnalo Il Castello di Semivicoli, dove si trova la Cantina Masciarelli (Marina Cvetiic).

Da segnalare a Popoli (Pescara) il ristorante gastronomico “Don Evandro“, per chi ama la gastronomia locale rivista in versione più “sofisticata”.

Per gli amanti dello street food locale, da non perdere gli arrosticini. Inutile segnalare gli indirizzi esatti… quando vedete orde di locali fare la fila nei posti più strani… ecco lì state certi che sono buoni!

In quali locali vale la pena andare?

Da Masino (Contrada Piane Favaro – Località Piane Favaro), ad ogni ora per un piatto o un drink all’aperto, fronte mare, in un ambiente easy ma bello, lungo la Costa dei Trabocchi.

La spiaggia dei Ripari di Giobbe, nei pressi di Ortona (Chieti), dove si arriva a piedi in 10 minuti di sentiero dopo aver lasciato l’auto al parcheggio. C’è un solo locale dove è possibile pranzare, cenare o semplicemente sorseggiare un aperitivo, nella spiaggia isolata dal resto della costa e con un mare turchese.

Come consiglia di arrivarci?

Per percorrere la Costa dei Trabocchi sulla Via Verde ciclopedonale la cosa migliore è arrivare in auto al porto di Ortona, noleggiare le bici in loco, e da lì intraprendere la ciclabile verso sud. Ci sono altri punti noleggio andando verso sud, ad esempio a San Vito, se si vuole accorciare il percorso.

Per Punta Aderci, se si vuole evitare di percorrere tutti i 42 km di ciclabile (non per tutti) si può arrivare anche in autostrada uscendo a Casalbordino – Vasto Nord verso SP 154 e seguendo sulla Strada Adriatica SS16.

Dove consiglia di andare alle famiglie con figli?

Oltre naturalmente alla Via Verde ciclabile lungo la Costa dei Trabocchi (perfetta per una pedalata coi figli), le famiglie (ma anche le coppie o gli sportivi) possono sperimentare la navigazione in canoa lungo il fiume Tirino, considerato tra i fiumi più limpidi d’Europa, nell’entroterra abruzzese, nel paesaggio suggestivo del Parco Nazionale del Gran Sasso. Bisogna prenotare e ci sono diverse organizzazioni che gestiscono i tour. Assolutamente il migliore è la Cooperativa il bosso (evitare le altre perché situate in zone del fiume meno belle), che oltre alle gite in canoa organizza anche escursioni di trekking, visita ai lupi, biking, ecc.

Bellissimo anche il Parco Avventura Majella, in località Piana delle Mele, a Guardiagrele (dove peraltro è interessante anche visitare il paese). Qui grandi e piccini possono affrontare 250 giochi sospesi sugli alberi come ponti tibetani, tunnel, e passeggiare tra i boschi montani locali.