Immsi, nei primi nove mesi dell’anno cresce l’utile netto

3 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di Immsi S.p.A., riunitosi oggi a Milano sotto la presidenza di Roberto Colaninno, ha esaminato e approvato i dati relativi all’andamento del Gruppo nei primi nove mesi del 2010. Lo si legge in una nota. L’utile netto consolidato al 30 settembre 2010, al netto delle imposte e della quota attribuita agli azionisti di minoranza, è pari a 13,5 milioni di euro, con un incremento del 40,7% rispetto a 9,6 milioni di euro registrati nei primi nove mesi del 2009. I ricavi netti consolidati del Gruppo Immsi al 30 settembre 2010 ammontano a 1.252,4 milioni di euro, in diminuzione del 1% rispetto a 1.264,9 milioni di euro nei primi nove mesi del 2009. Il risultato operativo ante ammortamenti (Ebitda) consolidato al 30 settembre 2010 ammonta a 162,5 milioni di euro, in crescita del 0,1% rispetto a 162,3 milioni di euro consuntivati nei primi nove mesi del 2009. In crescita anche l’Ebitda margin, che cresce dal 12,8% dei primi nove mesi del 2009 al 13% dei primi nove mesi del 2010. Il risultato operativo consolidato (Ebit) nei primi nove mesi del 2010 è pari a 95,2 milioni di euro, con un incremento del 5,5% rispetto a 90,2 milioni di euro nei primi nove mesi del 2009. Anche l’incidenza sui ricavi netti risulta in crescita, passando al 7,6% rispetto al 7,1% del corrispondente periodo del 2009. Il risultato prima delle imposte consolidato al 30 settembre 2010 ammonta a 69,8 milioni di euro, in crescita del 13,4% rispetto a 61,5 milioni di euro dei primi nove mesi del 2009. Le imposte di periodo ammontano a 41,4 milioni di euro, rispetto a 39,5 milioni di euro nel corso dei primi nove mesi dell’esercizio 2009. L’indebitamento finanziario netto del Gruppo al 30 settembre 2010 ammonta a complessivi 647,3 milioni di euro, rispetto a 638,0 milioni di euro al 31 dicembre 2009. Il patrimonio netto consolidato di Gruppo (al lordo del capitale e delle riserve di pertinenza di terzi) al 30 settembre 2010 è pari a 638,7 milioni di euro rispetto a 620,6 milioni di euro al 31 dicembre 2009. La società Capogruppo Immsi S.p.A. ha registrato nei primi nove mesi del 2010 un utile netto pari a circa 22,1 milioni di euro, rispetto a 11,0 milioni di euro al 30 settembre 2009. L’indebitamento finanziario netto al 30 settembre 2010 si attesta a 63,4 milioni di euro, in significativa riduzione (circa 16,8 milioni di euro) rispetto al dato al 31 dicembre 2009. Il miglioramento evidenziato nel corso dei primi nove mesi del 2010 è principalmente derivato dagli incassi relativi alle cessioni di azioni Piaggio e di diritti Unicredit (rispettivamente pari a 22,1 e 0,9 milioni di euro) nonché agli incassi relativi ai dividendi distribuiti da Piaggio & C. S.p.A. e da Unicredit, pari rispettivamente a 14,2 milioni di euro e 0,3 milioni di euro. In merito all’evoluzione prevedibile della gestione, con riferimento al settore industriale, il gruppo Piaggio nel corso del quarto trimestre 2010 proseguirà la strategia di sviluppo della presenza industriale e commerciale sui principali mercati asiatici, rafforzando la leadership sul mercato indiano nei veicoli commerciali leggeri a tre e quattro ruote e conquistando ulteriori quote di mercato nel settore scooter in Vietnam. A livello centrale, le attività di ricerca e sviluppo del gruppo Piaggio saranno rivolte al rinnovamento delle gamme prodotti – scooter, motociclette e veicoli commerciali – con particolare attenzione allo sviluppo di motorizzazioni a ridotti consumi e basso o nullo impatto ambientale.