IL THRILLER
CECCHI GORI

22 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Ritorna in alto mare il salvataggio del gruppo Cecchi Gori. Il tribunale fallimentare di Roma, un po´ a sorpresa, ha infatti rimesso in discussione il via libera al concordato preventivo votato dai creditori della Finmavi, la cassaforte dell´ex presidente della Fiorentina.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Il problema? «Non pare sia stata raggiunta la maggioranza delle singole classi di creditori», scrive nel suo provvedimento il giudice. Motivo per cui il legale rappresentante del gruppo del produttore fiorentino è stato convocato per la prossima settimana per essere sentito «in merito alla eventuale dichiarazione di fallimento». Questioni di lana caprina, dicono fonti legali vicine a Cecchi Gori, sostenendo che per l´ok al salvataggio bastava la maggioranza semplice dei voti che è stata raggiunta. Sarà. Ma a questo punto i tempi del rilancio, come minimo, sono tornati di nuovo in alto mare. E la soluzione del caso Cecchi Gori, come ogni film di qualità che si rispetti, promette a breve nuovi colpi di scena.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved