Il Tesoro USA in cerca di un ritorno per i contribuenti

27 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Tesoro USA prosegue con la strategia di graduale rientro del denaro pubblico, nel tentativo di ritirare le risorse messe in campo durante la crisi nell’interesse dei contribuenti. D’altronde, Il Piano TARP è ormai tramontato, portando anche alle dimissioni dell’assistente del Segretario del Tesoro, Herb Allison, che aveva presidiato tale strumento di lotta contro la recessione. I tempi, in effetti, sono cambiati e c’è ora bisogno di impiegare il denaro pubblico a favore delle famiglie americane e di un mercato del lavoro che non da segnali di recupero. Questa settimana il Dipartimento del Tesoro americano, secondo quanto riferito da Bloomberg, potrebbe annunciare la dismissione della partecipazione in AIG. L’operazione, che era già stata anticipata due settimane fa da alcuni quotidiani statunitensi, prevede la conversione delle azioni privilegiate in ordinarie, per poi avviarne la vendita entro il primo semestre del 2011. Recentemente, il Tesoro USA ha avviato la procedura d’uscita dal Piano TARP di altre Istituzioni finanziarie, quali Lincoln International e The Hartford Financial Services Group, di cui sono stati posti in vendita i warrants detenuti dal Treasury Department. Quanto ad AIG, principale beneficiario del piano di salvataggio pubblico durante la crisi finanziaria, la questione riguarda la possibilità di finalizzare due importanti dismissioni: American Life Insurance Co., in via di completamento, e l’IPO della divisione asiatica AIA Group, attualmente in fase di definizione.