Il produttore Usa di The Artist dice no a Obama: idea bocciata

9 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Non succede tutti i giorni di avere il coraggio e la sfrontatezza di dire di no al primo cittadino d’America. E’ successo al produttore cinematografico Harvey Weinstein, che ha rifiutato una proposta del presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

In un’intervista al sito The Wrap, il confondatore di Miramax – che di cinema se ne intende avendo vinto un premio Oscar per ‘Shakespeare in Love’ e avendo distribuito negli Stati Uniti il pluripremiato film muto ‘The Artist’ – ha rivelato di aver ricevuto dal primo cittadino degli Stati Uniti un romanzo di spionaggio, con il suggerimento di adattarlo per il grande schermo.

“Gli ho inviato una email dicendogli che è lo scout più qualificato che abbia mai avuto”, ha aggiunto il produttore.

Rifiutare una proposta del presidente potrebbe sembrare una mossa audace persino per un produttore cinematografico affermato. Ma dopo aver donato oltre 75.000 dollari al partito democratico in vista delle elezioni presidenziali di novembre, Weinstein ha sottolineato di ritenere di essersi guadagnato il diritto di essere schietto con Obama.

Per quello che molti considerano tra le persone piu’ importanti di Hollywood, e’ stato un periodo ricco di soddisfazioni. Oltre ad aver conquistato cinque Oscar con il film muto francese, la scorsa settimana Weinstein è stato insignito con la Legione d’Onore in Francia.