IL PRELIEVO
FUORILEGGE

3 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Nella manovra di finanza pubblica presentata dal governo, sul lato delle entrate campeggia l’avocazione all’Inps di una parte del Tfr, acronimo che sta per Trattamento di fine rapporto, cioè una porzione dello stipendio annuo dei lavoratori che le imprese accantonano e versano loro come salario differito al momento della fine del rapporto di lavoro. La quota che andrà all’Inps è pari al 50 per cento di quanto i lavoratori non destineranno ai fondi di previdenza integrativa nel 2007.

Leggere anche l’articolo FINANZIARIA: BARETTA, 50% TFR A INPS E’ UNO SCEMPIO

L’aspetto sconcertante di questa operazione è che essendo appunto il Tfr salario differito, non si tratta di una vera entrata, ma solo di un prestito: il Tfr è un debito delle imprese verso i lavoratori. La sua avocazione all’Inps comporta un trasferimento forzoso del debito a un soggetto pubblico.

Con INSIDER puoi guadagnare in un mese piu’ del tuo stipendio di un anno. Clicca sul
link INSIDER

Adesso Romano Prodi e Tommaso Padoa-Schioppa dovranno convincere l’Unione europea che questi cinque miliardi di euro sono una vera copertura di spese che riduce il deficit e il debito pubblico e non un maggiore indebitamento, cioè un trucco contabile, di quelli cui Bruxelles dà la caccia.

La Confindustria considera questa operazione una specie di rapina, perché costringerà le aziende che si finanziano con il Tfr a un costo di mercato limitato a dover recuperare quel denaro a un costo maggiore. In effetti, la soluzione ha tutta l’aria di un esproprio senza indennizzo dell’intero cespite finanziario, dunque di un atto contrario all’articolo 42 della Costituzione.

Copyright © Il Foglio per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved