Il potere occulto dell’analisi tecnica

16 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Gli investitori sono sempre piu’ attratti dal potere dei numeri, convinti che le previsioni dei grafici tecnici siano una buona via d’uscita dalle acque agitate in cui da un po’ di tempo a questa parte navigano i mercati.

In un articolo del Wall Street Journal si mette in evidenza come le analisi tecniche stiano avendo un’influenza sempre maggiore sull’andamento del mercato, con esperti di mercato e investitori che stanno prendendo posizioni ribassiste o rialziste non appena gli indici toccano livelli tecnici cruciali o mostrano un andamento particolare.

L’inclinazione degli investitori a guardare agli sbalzi di prezzo piuttosto che ai fondamentali, sottolinea il quotidiano finanziario, sta giocando un ruolo chiave nella crescente volatilita’ dell’azionario.

Ma perche’ gli investitori fanno sempre piu’ affidamento sui grafici, snobbando i pareri degli economisti (spesso in contraddizione tra loro)? Sam Stovall dell’agenzia S&P sostiene che nel 2008 gli esperti tecnici sono stati piu’ accurati nelle loro previsioni rispetto ai piu’ famosi e ascoltati economisti, che ci concentrano solo sui fondamentali, come dati macro e utili societari, e non su altri fattori esterni come la politica o gli eventi naturali.

Ad esempio gli analisti tecnici hanno previsto la crisi finanziaria, i “fondamentalisti” no. E’ un dato di fatto. E il risultato della crisi e’ stata una fase ribassista da -57%.

Lo stesso Stovall fonda le sue scelte strategiche su quattro fattori: performance storica, previsioni economiche e sugli utili societari e infine, come ultimo passo, ascolta quello che gli analisti tecnici hanno da dirgli.

Ma un indicatore su cui investiori e analisti stanno concentrando l’attenzione al momento e’ quello dell’S&P 500. Il paniere allargato e’ in pericolo, potrebbe infatti formarsi un nuovo grafico testa-spalla, solo due settimane dopo il precedente. A riferirlo al giornale e’ Jon Markman di Markman Capital Insight.

Lo strategist consiglia di tenere a mente questo trucco: quando una spalla di destra si sta formando in un punto logico – nel caso specifico la resistenza dalla media a 50 giorni, e un ritracciamento del 50% dal calo di aprile-giugno, secondo la serie di Fibonacci, allora e’ giunta il momento di aspettarsi l’arrivo in massa degli orsi in Borsa, che difenderanno con le unghie e i denti il trend ribassista.