IL NASDAQ E’ DESTINATO A VINCERE

22 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Primo articolo di una serie.

L’intervento di David Weild, vice presidente del Nasdaq, e’ incentrato sul vantaggio competitivo di un mercato elettronico come il Nasdaq rispetto alle borse tradizionali come il NYSE che utilizzano ancora un trading floor.

La scelta di delocalizzare gli scambi e’ gia stata perseguita da molte altre borse internazionali. Londra, Parigi, Tokio, Milano hanno gia da tempo rinunciato al trading floor.

I vantaggi di un mercato elettronico sono ravvisabili in termini di tempi di esecuzione degli scambi e costi della transazione media.

Weild ha sottolineato come “in un mercato organizzato come il NYSE i costi per pagare i floor broker e gli specialist, inevitabilmente si riversano sugli investitori, cosa che non avviene al Nasdaq dove il costo medio per eseguito e’ inferiore”.

Continuando con i vantaggi offerti piu’ specificatamente dal Nasdaq, il vice presidente ha precisato come i nuovi sforzi d’innovazione attraverso la piattaforma SuperMontage dovrebbero risolvere i dubbi di chi vede un mercato “quote-driven” (come il Nasdaq dove i prezzi sono il frutto delle quotazioni esposte dai dealer) come un sistema meno trasparente per la formazione dei prezzi rispetto ad uno dove gli scambi sono dati dall’incontro tra domanda e offerta.

Secondo i dati rilevati dal Nasdaq, i vantaggi comparativi rispetto al NYSE non finiscono qui.

Un piu’ alto volume di contrattazione infatti permette al mercato elettronico di offrire migliori opportunita’ ai manager delle aziende di monetizzare i loro guadagni attraverso la vendita delle opzioni ricevute come parte del compenso.

Inoltre, l’elevata attivita’ di trading attrae un maggior numero di ricerche indipendenti, garantendo cosi’ un’informazione quantitativamente e qualitativamente migliore

La liquidita’, costantemente elevata, presente sul Nasdaq permette un minore impatto sul prezzo, di ordini di acquisto o vendita anche consistenti per volume.

Infine a determinare il successo futuro del Nasdaq come mercato di riferimento per la tecnologia, saranno anche gli investimenti fatti sul web. Secondo David Weild, infatti, la visibilita’ che le aziende ottengono sul sito internet del Nasdaq, rispetto agli altri mercati, non ha uguali.

*Francesco Leone e’ analista finanziario per Wall Street Italia.