Il mondo del libro italiano torna in Cina

27 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Resta alta l’attenzione del mondo del libro italiano per la Cina. Lo dimostra la pattuglia di undici editori che continuano a tornare alla Beijing International Book Fair, in programma dal 30 agosto al 3 settembre a Pechino. Una fiera che si posiziona tra le 4 principali manifestazioni internazionali del settore editoriale e che lo scorso anno ha visto la presenza di oltre 1.700 espositori da 56 Paesi e un aumento del 10,52% nella compra-vendita di diritti. Gli editori italiani saranno presenti nello stand Italia di 150 metri quadrati, organizzato per il sesto anno consecutivo dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE) in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (AIE), grazie all’accordo di settore siglato tra AIE, ICE e Ministero dello Sviluppo Economico – Commercio Internazionale. Continua a crescere la vendita (export) di diritti di edizione di libri italiani a case editrici cinesi, tanto da passare dagli 8 titoli del 2001 (la Cina rappresentava il 7% dell’export ai mercati asiatici, Giappone incluso) ai 142 del 2007 (35% dell’export). Oggi i titoli esportati sono 447 (fonte: Ufficio studi AIE per Copy in Italy).