Il mercato snobba le trappole dei rating. Era ora

24 Gennaio 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo scritto – riportato su www.itforum.it – esprime il pensiero dell’autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Milano – Molti operatori plaudono all’intervento della magistratura presso alcune sedi delle Agenzie di rating per individuare eventuali reati di manipolazione del mercato. La migliore risposta è però giunta dal mercato stesso, che ha spazzato via i timori del week-end scorso in vista della riapertura delle piazze finanziarie. Gli investitori si sono concentrati più su certi fondamentali che sulle “pagelle” delle Agenzie, dando retta alle parole di Draghi secondo cui gli “operatori dovrebbero imparare a vivere senza rating”.

Semmai, l’unico aspetto positivo dell’ultima mossa delle Agenzie di rating è di aver scatenato “l’orgoglio mediatico europeo”, condizionato finora da troppi veti incrociati, nonostante le azioni messe in campo da alcuni governi dell’Eurozona, a partire dall’Italia, e i riflessi che potranno avere sulle prospettive future di rilancio delle economie.

Un’attenzione particolare, e che potrebbe essere la vera svolta per il mercato se venisse accolta, è la posizione espressa dal premier Monti alla London School of Economics, dove ha rilanciato una proposta (già ventilata a livello europeo nella scorsa estate), che ci possa essere una “maggiore disciplina degli spread tra i paesi aderenti” e soprattutto che sia imposto “un tetto ai tassi d’interesse massimi” che uno stato in fase di ristrutturazione del proprio bilancio possa pagare.

Sul fronte azionario, intanto, la maggiore spinta propulsiva arriva dal comparto finanziario che è riuscito a non trarre profitto immediato dalla salita di alcuni titoli di riferimento, permettendo la performance positiva di molti indici. Se realmente dal prossimo G20 arrivassero notizie positive sul potenziamento della dotazione per l’Fmi, insieme alla conclusione degli estenuanti negoziati sullo swap del debito Greco, la luna di miele col mercato potrebbe ripartire con maggiore slancio.

Positivo anche questa settimana il trend sul mercato primario dove si sono visti molti deals con l’attività che si è concentrata sulle agenzie sovrane e sui corporate. Hanno replicato il successo della Polonia e della Slovacchia di inizio gennaio le agenzie a tripla A KFW e CADES. La prima con 4 miliardi con scadenza 17/1/2022 e cedola 2.5%; la seconda sempre 4 miliardi sulla scadenza più breve 16/2/2015 e cedola 1.875. L’agenzia spagnola ICO A1 ha emesso 2 miliardi con cedola 4.625% e scadenza 31/1/2017. Intanto hanno annunciato un nuovo deal il Belgio Aa3 con la scadenza 28/9/2022 e l’Austria Aaa con una doppia scadenza a 10 e 50 anni (22/11/2022 e 26/1/2062).

Tra i corporate si è distinta Repsol Baa1/BBB con 750milioni di euro, cedola 4.875% e scadenza 19/2/2019 e la BAA che ha rating A- ed è la società che gestisce gli aeroporti inglesi con 700 milioni di euro sulla scadenza 25/1/2017 e cedola fissa al 4.375%. La Turchia ha preferito il mercato del dollaro con 1.5 miliardi a 10 anni e cedola al 6.25%. Anche KFW e la BEI stanno progettando una nuova operazione in dollari. Rumours anche per la spagnola Iberdrola di un nuovo deals con scadenza 2016.

Stamattina gli agenti della Guardia di Finanza hanno eseguito dei controlli nell’ufficio milanese dell’agenzia di rating Fitch, dopo quelli effettuati negli edifici di Standard and Poor’s per accertamenti disposti dalla procura di Trani.

La procura di Trani sta indagando sulle anomale oscillazioni di borsa che si sarebbero verificate nel 2010 e nel 2011 in un’inchiesta che vede indagati alcuni esponenti delle agenzie di rating Standard & Poor’s e Moody’s.

Copyright © www.itforum.it. All rights reserved