Il G7 valuta un tetto sul prezzo del petrolio russo

4 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Le sette maggiori economie industrializzate del mondo (G7: Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Giappone) hanno lanciato l’idea di un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo, al fine di ridurre ulteriormente la capacità del Cremlino di finanziare il suo assalto in Ucraina e cercare di proteggere i consumatori in mezzo all’aumento dei prezzi dell’energia. La ricerca da parte del G7 di un tetto massimo di prezzo per il petrolio russo non è priva di sfide, tuttavia, con gli analisti energetici molto scettici sull’integrità della proposta. Da parte sua, il Cremlino ha avvertito che qualsiasi tentativo di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio russo causerà più danni che benefici.

Dove nasce l’idea di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio russo

Gli Stati Uniti sembrano essere i maggiori sostenitori di un tetto al prezzo del petrolio russo. A maggio, il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha spiegato l’idea alle sue controparti europee, dicendo che avrebbe funzionato come dazio o limite sul petrolio russo e avrebbe aiutato l’Europa nel periodo intermedio fino a imporre un divieto totale. L’Ue ha deciso a fine maggio di imporre un embargo graduale sul petrolio russo fino alla fine del 2022, dopo diverse settimane di difficili negoziati tra le 27 nazioni.

Il blocco riceveva circa il 25% delle sue importazioni di petrolio dalla Russia e rappresentava uno dei più importanti acquirenti del Cremlino. Fermare questi acquisti di petrolio è un tentativo di danneggiare l’economia russa dopo l’invasione non provocata dell’Ucraina, ma sono difficili da implementare nel breve periodo, dato che alcuni paesi dell’Ue dipendono fortemente dai combustibili fossili russi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha presentato l’idea di un tetto massimo del prezzo del petrolio al resto dei leader del G7 durante il fine settimana del 25 e 26 giugno e le sue controparti hanno deciso di esaminare le sue proposte. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che l’idea era molto ambiziosa e necessitava di “molto lavoro” prima di diventare realtà.

Come potrebbe funzionare un tetto al prezzo del petrolio

Gli analisti dell’energia si sono chiesti esattamente come il G7 possa imporre un tetto massimo di prezzo per il petrolio russo, avvertendo che il piano potrebbe ritorcersi contro se i consumatori chiave non fossero coinvolti e il tempo potrebbe non bastare a renderlo praticabile. “Qualcosa del genere potrebbe funzionare solo se tutti i produttori chiave e, in modo cruciale, tutti i consumatori chiave, lavorano insieme e poi trovano un modo per far rispettare qualsiasi piano escogitato. E la realtà è che i maggiori consumatori di petrolio russo, o tra i maggiori consumatori di petrolio russo, sono la Cina e l’India”, ha detto giovedì Neil Atkinson, analista indipendente edex responsabile della divisione mercati e industria petrolifera dell’International Energy Agency. La Cina e l’India hanno “beneficiato enormemente” dallo sconto del greggio russo, ha affermato Atkinson. Il petrolio russo è stato venduto con un forte sconto di $30 o più rispetto ai future sul greggio di riferimento internazionale Brent. Atkinson ha anche evidenziato una mancanza di unità sull’invasione russa dell’Ucraina, dato che Cina e India non hanno condannato esplicitamente il Cremlino. “In ogni caso, i russi non staranno lì seduti e non faranno nulla. Possono giocare con le forniture di petrolio e in effetti di gas. Penso che questo piano non sia davvero un inizio”. “Per me, onestamente il meccanismo non funziona”, ha detto venerdì alla CNBC, Amrita Sen, co-fondatrice e direttrice della ricerca presso Energy Aspects. Che ha aggiunto:

“Non ci hanno riflettuto, non hanno parlato con India e Cina… Pensiamo davvero che acconsentiranno? E pensiamo davvero che la Russia lo accetterà davvero e non si vendicherà? Penso che questo suoni come un concetto teorico molto, molto buono, ma nella pratica non funzionerà”.

Come ha risposto la Russia

La Russia ha avvertito che qualsiasi tentativo di limitare il prezzo del petrolio russo potrebbe devastare il mercato energetico e spingere i prezzi delle materie prime ancora più in alto.

Il vice primo ministro Alexander Novak mercoledì ha descritto la mossa dei leader occidentali di considerare l’imposizione di un limite di prezzo come “un altro tentativo di intervenire nei meccanismi di mercato che potrebbe solo portare allo squilibrio del mercato… che porterebbe a un aumento dei prezzi”

Novak si è detto fiducioso che la Russia avrebbe riportato la produzione di petrolio ai livelli pre-sanzione nei prossimi mesi, soprattutto perché una quantità significativa di greggio russo era stata reindirizzata ai mercati asiatici.