IL FANTASMA RECESSIONE

13 Dicembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – I gufi sono tornati a volteggiare sull´economia globale e la parola recessione (quasi scomparsa fino a qualche mese fa) torna a farsi notare nei report nelle grandi banche. Per ora si tratta di esercizi teorici, ma intanto vengono fatti. A futura memoria. Una recessione globale, si dice, potrebbe verificarsi solo in seguito a alcuni eventi molto “strong”, molto forti. Nel documento di Lehman se ne citano quattro: 1 – Un aumento del 60 per cento del prezzo del petrolio nel giro di un anno. 2 – Il 30 per cento di aumento nel prezzo delle materie prime non-oil. 3 – Una caduta del 30 per cento della capitalizzazione dei principali mercati azionari. 4 – Una caduta del 5 per cento della spesa pubblica in Europa. Tutte cose apparentemente lontane e irrealistiche, ma con l´instabilità politica che c´è in giro (dal Sudafrica al Pakistan, passando per le elezioni americane e quelle russe), forse è meglio rimanere prudenti, e molto vigili.

Copyright © La Repubblica. Riproduzione vietata. All rights reserved

parla di questo articolo nel Forum di WSI