IL DOW JONES APRE
SOTTO I 7.700 PUNTI

5 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street apre la seduta con i piedi di piombo, in attesa del dato relativo all’Ism servizi che sara’ comunicato alle ore 16 (le 10 ore di New York).

Il Dow Jones oscilla attorno a quota 7.700, dopo aver sfondato nelle contrattazioni di martedi’ l’importante supporto tecnico a 7.750 punti. Il Nasdaq e’ a un soffio dai 1.300 punti.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

TEMI DELLA SEDUTA

  • Contribuisce alla cautela lo scivolone del dollaro. L’importante termometro della fiducia degli investitori sull’economia americana ha registrato un nuovo minimo record, testando il valore piu’ basso contro l’euro degli ultimi quattro anni . Il rapporto euro/dollaro e’ infatti salito a 1,10.
  • Rimane ancora un’incognita l’affaire Iraq, che continua a trascinarsi senza un’apparente soluzione. Il Segretario di Stato americano Colin Powell ha tuttavia dichiarato di essere fiducioso sul sostegno dell’Onu a una risoluzione che includa il ricorso alla guerra. Francia e Russia potrebbero tuttavia avvalersi del diritto di veto.

    NOTIZIE NEGATIVE
    Sul fronte societario, si sono rivelati deludenti i risultati societari della prima catena di grandi magazzini Usa Costco (COST – Nyse). Il titolo si e’ messo in evidenza nel preborsa con una flessione superiore all’8%.

    Non sonodi buon auspicio le notizie relative al colosso software Oracle (ORCL – Nasdaq). Per Lehman Brothers, il mese di febbraio si e’ rivelato piu’ difficile del previsto per la societa’, che potrebbe registra un fatturato inferiore alle stime. I risultati trimestrali saranno presentati dalla societa’ il 18 marzo.

    Acquisizioni in vista per la blue chip del Dow Jones Boeing (BA – Nyse)? E’ quanto trapela dalle dichiarazioni del presidente e amministratore delegato Phil Condit, che ha sottolineato che il produttore di aerei militari e sistemi per la difesa Bae Systems si e’ rivelata “una candidata interessante”. Il titolo BA ha tuttavia accolto male la notizia.

    Notizie poco confortanti per la societa’ di imbottigliamento per le bibite Pepsi Bottling (PBG – Nyse). Il gruppo ha rivisto al ribasso le stime sugli utili del 2003. Immediata la reazione di UBS Warburg, che ha mantenuto il rating “neutral” sul titolo ma ha ridotto il target sul prezzo.

    Al di sotto delle stime gli utili del colosso biotech Genzyme (GENZ – Nasdaq).

    NOTIZIE POSITIVE

    Positivi gli utili della catena di abbigliamento Saks (SKS – Nyse). Il fatturato ha deluso tuttavia le stime.

    UBS Warburg e’ intervenuta a favore del settore edilizio, che nella seduta di martedi’ ha reagito alle notizie negative sulla societa’ Lennar Corporation (LEN – Nyse) con un ribasso del 7%. Per la banca d’affari la reazione degli investitori e’ stata esagerata.

    Occhi puntati sulla performance odierna del colosso hardware Apple (AAPL – Nasdaq). La societa’ sarebbe vicina a concludere una delle partnership online piu’ importanti mai realizzate tra il settore hi-tech e quello musicale.

    Il settore networking potrebbe essere tra i protagonisti della seduta, dopo le dichiarazioni ottimistiche rilasciate da James B. Flaws, direttore finanziario del produttore di fibre ottiche Corning (GLW – Nyse). Il gruppo avrebbe buone possibilita’ di tornare alla reddivita’ nel terzo trimestre di quest’anno, stando alle parole di Flaws.

    Sotto i riflettori il colosso multimediale Aol Time Warner (AOL – Nyse), che potrebbe essere vicino alla vendita di asset per un valore compreso tra i $2 miliardi e i $4 miliardi, nel tentativo di ridurre i forti debiti del gruppo.

    Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.