Il digitale riporta in nero i conti del New York Times

1 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI ) – Il digitale riporta in nero i conti del New York Times Company. Nel secondo trimestre, l’editore dell’omonimo quotidiano newyorkese è tornato in attivo grazie all’aumento degli abbonamenti online (+40% a 738.000), che ha annullato l’impatto negativo del calo del fatturato pubblicitario. La società ha comunicato profitti netti per 20,1 milioni di dollari, 13 centesimi per azione, contro il rosso da 87,6 milioni, -58 centesimi per azione, dello stesso periodo dell’anno scorso. Escludendo le voci straordinarie i profitti sono saliti da 11 a 14 centesimi per azione.

Resta col segno meno il fatturato, in calo dello 0,9% a 485,4 milioni di dollari. Gli analisti attendevano un utile di 12 centesimi per azione su un fatturato di 487 milioni di dollari. Complessivamente il fatturato generato dalla diffusione del quotidiano è cresciuto del 5,1%, ma quello pubblicitario è sceso del 5,8% (-6,8% sulla carta stampata, -2,7% sul digitale).