IL BRASILE STRAPPA UN PRESTITO RECORD

8 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il Brasile tira un sospiro di sollievo, dopo la decisione del Fondo Monetario Internazionale di accordare al paese sudamericano un prestito record di $30 miliardi, che supera le aspettative più ottimistiche.

La decisione ha il pieno appoggio degli Stati Uniti, in genere contrari ai prestiti internazionali.

Paul O’Neill, segretario del tesoro Usa, si è detto molto soddisfatto dell’accordo raggiunto, nella speranza che l’ingente somma di denaro possa evitare il tracollo dell’intera area.

In una recente intervista rilasciata a Wall Street Italia, Ruggero De Rossi, money manager e responsabile dell’area mercati emergenti per OppenheimerFunds, aveva detto che per il paese carioca erano necessari $8-$10 miliardi per sostenere le aziende locali.

De Rossi, inoltre, aveva stimato in $10-$15 miliardi il fabbisogno del paese per risolvere ogni sorta di problema finanziario fino a ottobre, data delle prossime elezioni.

Il 5 agosto, rispondendo alle nostre domande, De Rossi aveva dichiarato: “Quello che noi investitori istituzionali speriamo e’ che il Fondo annunci un pacchetto di aiuti al di sopra delle aspettative. E dato che queste sono in continua crescita, e’ chiaro che la notizia deve essere comunicata al mercato al piu’ presto.”

Tre giorni più tardi è stato pienamente accontentato.