IeS, cda approva bilancio e piano 2010-2013

16 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Cda di Investimenti e Sviluppo, società che svolge attività di acquisizione di partecipazioni, ha approvato il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2009 che si è chiuso con un EBITDA negativo per 6,3 milioni (negativo per ? 6,1 milioni al 31 dicembre 2008), un Risultato netto negativo per 22,3 milioni (negativo per ? 10,9 milioni al 31 dicembre 2008) ed una Posizione finanziaria netta positiva per ? 5,2 milioni (positiva per ? 4 milioni al 31 dicembre 2008). L’esercizio 2010, sottolinea la società in una nota, sarà caratterizzato dall’implementazione delle azioni poste a sostegno del Piano Industriale 2010-2013 e, pertanto, sarà da considerarsi un anno di transizione con il ritorno a condizioni di equilibrio a medio termine. Il Cda ha approvato anche il Piano Industriale 2010-2013, in cui si prevede che il Gruppo focalizzi le proprie strategie sullo sviluppo di attività e servizi finanziari per le imprese e i privati, attraverso la gestione del capitale di terzi ed il leasing, per il tramite rispettivamente delle società Eurinvest SGR S.p.A. e LEAF Leasing & Factoring S.p.A. Con riferimento alla gestione del capitale di terzi, il Piano Industriale 2010-2013 include lo sviluppo di servizi e prodotti finanziari in ambito immobiliare e distressed. L’obiettivo è la valorizzazione del patrimonio SGR per la gestione del capitale di terzi mediante un’offerta di prodotti finanziari focalizzati su un target di investitori ampio e qualificato. Il nuovo modello di business si caratterizza come sistema fees-based tramite SGR ed è generatore di capital gains da investimenti diretti, con ritorni interessanti per profilo e diversificazione del rischio-rendimento. Quanto al settore del leasing, il Piano Industriale 2010-2013 si focalizza sulle attività della società LEAF Leasing & Factoring S.p.A., nuova denominazione di R.E. Factor S.p.A., società che opera nel factoring del settore delle locazioni immobiliari, nella quale la controllata Finleasing Lombarda S.p.A. ha sottoscritto un aumento di capitale con conferimento di ramo d’azienda nel dicembre 2009 (si veda il comunicato stampa diffuso in data 17 dicembre 2009). Il nuovo Piano Industriale prevede inoltre una maggiore integrazione tra le società del Gruppo con il conseguimento di significativi risparmi in termini di costi di struttura e generali. Al fine di reperire le risorse finanziarie necessarie e adeguate per dare esecuzione al Piano Industriale 2010-2013, il Coda ha proposto all’Assemblea straordinaria di attribuire all’organo amministrativo una delega per aumentare il capitale sociale a fronte di conferimenti in denaro, con o senza diritto di opzione, per un importo massimo (comprensivo di sovrapprezzo) di ? 30 milioni, esercitabile in una o più volte, entro due anni dalla data di delibera dell’Assemblea.