Ici: il governo si e’ deciso, paghera’ anche la Chiesa Cattolica

15 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – L’appello dell’opinione pubblica e’ stato accolto: anche la Chiesa dovra’ fare sacrifici economici. Le esenzioni fiscali per le attivita’ commerciali della Chiesa saranno revocate e gli enti ecclesiastici dovranno dunque pagare le tasse sugli immobili. Allo stesso tempo il governo si impegna a fare salve le attivita’ no profit.

L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare giovedi’ prossimo in occasione dell’anniversario dei Patti Lateranensi, al termine della riunione tra Mario Monti, i suoi ministri e il segretario di Stato Bertone in compagnia del presidente della Cei Angelo Bagnasco.

Le esenzioni, introdotte dal governo Berlusconi e ritoccate maldestramente l’anno successivo da Prodi, permettono ad alberghi, scuole e ospedali degli enti religiosi di non pagare le tasse grazie alla presenza di una cappella al loro interno.

Il danno erariale per lo Stato italiano subito in tutti questi anni e’ stato pari a circa un miliardo di euro.

Un quinto di Roma e’ in mano alla Chiesa: alle 140 case di cura private accreditate nel Lazio, si aggiungono 800 scuole, 65 case di cura, 43 collegi, 20 case di riposo, mentre a Milano le scuole paritarie sono oltre 450 e le cliniche 120. Il solo patrimonio di Propaganda Fide ammonta a 8-9 miliardi.

di Corrado Chiominto (Ansa)

ROMA – Arriva l’Ici sui beni della chiesa. Ovviamente non sulle strutture religiose. Ma su quelle commerciali: cliniche, pensioni, scuole. Per l’esenzione non bastera’ piu’ avere all’interno dell’immobile una struttura religiosa. Questa continuera’ ad essere esente, ma il fisco guardera’ alla destinazione prevalente, individuando un rapporto percentuale, e su tutto il resto si paghera’ il dovuto. La norma, che vale circa 100 milioni di maggiori tributi, avra’ impatto su tutti gli ”enti non commerciali”, in pratica sul mondo del volontariato e delle organizzazioni non lucrative.

Come era gia’ chiaro dal confronto ‘diplomatico’ in atto oramai da qualche mese, la novita’ non trova l’opposizione della Conferenza Episcopale Italiana. Anzi, la Cei dice che ”ogni intervento volto a introdurre chiarimenti alle formule vigenti sara’ accolto con la massima attenzione e senso di responsabilita”’. Certo pero’ – mettono in guardia i vescovi italiani – bisognera’ fare attenzione che ”sia riconosciuto e tenuto nel debito conto il valore sociale del vasto mondo del no profit”. Stupore viene invece espresso dai Comuni, che sono i destinatari del maggior gettito, per non essere stati consultati.

La decisione di Monti arriva proprio alla vigilia della cerimonia per i Patti Lateranensi che vedra’ domani il premier Mario Monti e gran parte del suo governo incontrare, nell’ambasciata italiano presso la Santa Sede, i vertici del Vaticano, il presidente della Cei Angelo Bagnasco e il Segretario di Stato, Tarcisio Bertone in primis. Il tema era comunque sul tavolo gia’ da qualche tempo. Lo scorso dicembre Bagnasco si era detto ”disponibile a chiarire, a fare alcune precisazioni, qualora queste precisazioni si rivelino necessarie”. A fine gennaio, poi, la Cei aveva resa nota la propria ”disponibilita”’, visto che si tratta di ”materia di tipo unilaterale e non concordataria”, cioe’ ”una legge dello Stato: e alle leggi si obbedisce”.

Il dossier, aveva spiegato nei giorni il presidente del Consiglio, era in fase avanzata. Anche perche’ sul tema pende una procedura di infrazione da parte della Commissione Europea, aperta nell’ottobre del 2010, che l’Italia spera ora di chiudere. Tant’e’ che l’annuncio e’ stato dato dallo stesso Monti proprio con una lettera inviata al vice presidente della Commissione europea, Joaquin Almunia, nella quale lo rassicura dell’ ”intenzione di presentare al Parlamento un emendamento che chiarisca ulteriormente e in modo definitivo la questione”. La norma avra’ comunque impatto generale. Su tutti gli enti non commerciali, dalle Onlus alle associazioni no profit.

Difficile quantificare la stangata: le cifre sono contrastanti, ma gli ultimi calcoli, effettuati proprio dalla commissione che ha esaminato le diverse agevolazioni fiscali Italiane, hanno indicato in circa 100 milioni l’ammontare dell’agevolazione finora concessa. Le linee guida per la nuova Ici sul mondo degli enti non commerciali saranno quattro: 1) l’esenzione fara’ riferimento agli immobili nei quali si svolge in modo esclusivo un’attivita’ commerciale; 2) verranno abrogate le norme che prevedono l’esenzione per i luoghi nei quali l’attivita’ non commerciale non sia esclusiva ma solo prevalente; 3) l’esenzione sara’ limitata alla sola frazione di unita’ nella quale si svolga l’attivita’ di natura non commerciale; 4) verra’ introdotto un meccanismo di dichiarazione vincolata a direttive rigorose stabilite dal ministero dell’Economia per individuare il rapporto proporzionale tra attivita’ commerciali e non commerciali esercitate all’interno dello stesso immobile. Per i dettagli bisognera’ attendere la norma, ma certo gia’ l’impegno annunciato all’Ue, visto che il dibattito e’ annoso, appare una novita’ rilevante.