I social media messi al bando dai CIO; Facebook bloccato nel 67% dei casi

25 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

I responsabili informatici di tutta Europa non sfruttano gli effetti positivi per le aziende offerti dai social media, rivela uno studio di Easynet e Ipanema Technologies. Mettendo al bando i social media, i CIO (Chief Information Officer) rischiano di inimicarsi i clienti, di creare strategie marketing inefficaci, di demotivare il personale e di eliminare il margine di competitività. La ricerca, dal titolo ‘Killer Apps 2012’, ha messo in luce quanto segue: Il 67% dei CIO europei e dei direttori IT ha dichiarato di bloccare Facebook Il 60% blocca YouTube Il 49% blocca Twitter Il 56% blocca tutti i video online. Lisa Myers, CEO dell’agenzia Verve Search ed esperta di ottimizzazione per motori di ricerca (SEO, Search Engine Optimization) e di social media, ha affermato: “Bloccare le reti dei social media è una tattica rischiosa e sono davvero scioccata dalle statistiche che indicano le numerose aziende che seguono questa tendenza”. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Contatti con la stampa:Nick Ward, +44 (0) 20 7401 8001kwittken + [email protected]