I risultati di un’inchiesta dimostrano come la volatilità dei prezzi crei problemi per aziende

17 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

OpenLink Financial LLC (OpenLink), uno dei più importanti fornitori di soluzioni software per la gestione del rischio e il trading di materie prime/energia (C/ETRM), ha pubblicato i risultati di un recente webinar, “Gestione dei costi dell’energia in industrie a forte uso energetico,” nel quale è stata condotta un’inchiesta tra i principali professionisti nei settori dell’energia e delle materie prime, i cui risultati hanno fornito un quadro delle priorità per chi opera in questi settori e dei problemi più importanti. Alla domanda su quale sia il fattore più importante per ottenere la massima efficienza nella fornitura di energia e ridurre al minimo i costi, gli intervistati hanno risposto: Un sistema di gestione dell’energia integrato con una banca dati in comune – 45% L’accesso a dati accurati relativi alla domanda e ai prezzi – 29% L’integrazione di soluzioni isolate per la gestione dell’energia – 16% L’accesso diretto al mercato dell’energia – 10% Jayesh Parmar, partner dell’Energy Advisory Service (EAS) di Baringa, ha affermato: “Queste differenze dei prezzi per la fornitura di energia non potranno che aumentare di pari passo con la volatilità del mercato mondiale. I risultati dell’inchiesta sono in linea con quello che constatiamo nella nostra attività di consulenza, ed non vi sono più dubbi che per soddisfare le necessità dei clienti le aziende avranno bisogno di un approccio più proattivo, che possa basarsi su soluzioni robuste e dati in tempo reale.” Il Dr. Markus Seiser, Vicepresidente esecutivo di OpenLink per il marketing di prodotti globali, ha affermato: “L’inchiesta mostra chiaramente la necessità per le società industriali di avere una visione olistica dei propri dati, specialmente per quanto riguarda la domanda, i prezzi e le opzioni di fornitura. Per le loro caratteristiche intrinseche, le aziende sperimentano e mitigano un certo livello di esposizione, a causa della quale, unitamente alla necessità di mantenersi concorrenziali nel settore dell’energia globale in continua evoluzione, le aziende riconoscono la correlazione tra i costi di produzione dell’energia ed esposizioni che in ultima analisi vanno a influire sui loro costi di produzione. OpenLink fornisce a tali partecipanti l’opportunità di fare affidamento su un sistema di gestione dell’energia integrato con una banca dati in comune tramite le nostre soluzioni complete.” Maggiori informazioni relative al recente webinar “Gestione dei costi dell’energia in industrie a forte uso energetico,” sono disponibili sul sito: www.openlink.com. Informazioni su OpenLink Fondata nel 1992, OpenLink sviluppa soluzioni software di supporto alle decisioni per la gestione del ciclo di vita delle transazioni. Rientrano in questo ambito la contrattazione di classi diverse di attività finanziarie e fisiche, la gestione del rischio, l’elaborazione di operazioni correlate e la gestione del portafoglio per i settori e i mercati finanziari, dell’energia e delle merci in tutto il mondo. Tra gli oltre 540 clienti OpenLink in tutto il mondo figurano 12 delle 25 più grandi società per capitalizzazione di mercato operanti nel settore energia e merci, 8 dei più grandi istituti finanziari e 11 delle più grandi banche centrali nonché alcuni tra i più importanti hedge fund, società operanti nel settore merci e società di servizi pubblici. OpenLink ha la sua sede centrale a Long Island, New York e uffici a New York City, Houston, Dallas, Tulsa, Londra, Berlino, Vienna, San Paolo, Sydney, Singapore, Mosca, Toronto e Dubai. Alle sue dipendenze lavorano più di 1.300 impiegati in tutto il mondo. Maggiori informazioni riguardo alle soluzioni di OpenLink sono disponibili sul sito www.OpenLink.com. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

CognitoCaitlin Mitchell, [email protected]