I GURU DI WALL STREET AL CAPEZZALE DI INTEL

22 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Ecco le prime reazioni degli analisti all’annuncio di Intel Corp. (INTC):

Dan Niles di Lehman Brothers ha ridotto il target sul prezzo del colosso dei semiconduttori da $88 a $65.

Joe Osha di Merrill Lynch ha rivisto in negativo il suo giudizio su Intel abbassando il target sul prezzo a $70.

Erika Klauer di Deutsche Banc Alex. Brown ha ridotto il rating della societa’ da “Strong Buy” a “Market Underperform”. Il target sul prezzo e’ stato portato a $40.

ABN Amro e CIBC World Markets hanno abbassato il rating da “Buy” a “Hold”.

Salomon Smith Barney ne ha diminuito il rating da “Buy” a “Outperform”.

Morgan Stanley Dean Witter ha rivisto in negativo il giudizio su Intel portandolo da “Strong Buy” a “Outperform”.

PaineWebber ne ha abbassato il target sul prezzo da $85 a $70.

Goldman Sachs ha ridotto il rating da “Recommended List” a “Market Outperform”.

Prudential Securities ne ha abbassato il rating da “Strong Buy” a “Accumulate”.

Nelle contrattazioni elettroniche che precedono l’apertura di borsa, il titolo Intel e’ sceso fino a quota $45.

(verificare quotazioni di premercato aggiornate IN TEMPO REALE nella sezione ‘After Hours’ di Wall Street Italia).

(Vedi anche: Intel crolla del 20% nel dopo-borsa a New York ~ Borsa: conferma rating Buy per Intel ~ Informatica: Intel pesa come un macigno sui PC)