I GIOVANI LEGGONO DI PIU’

19 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 19 apr – I giovani leggono di più. A una media nazionale del 44,1% della lettura corrispondono nelle fasce più giovani della popolazione valori superiori di 7-10 punti percentuali. E se si esclude la fascia dei bambini di 6-10 anni, dove la lettura risulterebbe sostanzialmente stabile (o al massimo registra una lieve flessione di 0,7 punti negli ultimi cinque anni) in tutte le altre la crescita appare significativa e importante nelle dimensioni coinvolte. E’ quanto emerge dalle elaborazioni dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su dati Istat. La penetrazione della lettura cresce fino agli 11-14 anni, forse per effetto di un’offerta editoriale particolarmente attiva in questi anni con titoli come Harry Potter e in generale con un incremento del fantasy, del giallo e grazie anche al rinnovamento dei canali di vendita, all’apertura di librerie e al rinnovo di biblioteche. Tale penetrazione sembra prolungarsi un po’ verso la fascia generazionale dei 15-17nni dopodiché incomincia la curva discendente al crescere dell’età della popolazione.