I GIORNALISTI DEL FINANCIAL TIMES CLASSIFICATI PER PRODUTTIVITA’

8 Febbraio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Londra, 8 feb – “Iper produttivo”, “nella norma” o “sotto la media”: sono queste le tre categorie in cui presto potrebbero essere suddivisi i giornalisti del Financial Times. Il piano di “categorizzazione” è stato proposto dalla direzione risorse umane della prestigiosa testata. Il direttore del FT sta incontrando in questi giorni i capiservizio per discutere della nuova iniziativa, e da marzo si dovrebbe iniziare a stilare la “classifica” per un periodo di prova. Ovviamente la proposta, ideata dalla responsabile dell’ufficio personale, Sarah Hopkins, ha suscitato svariati commenti ironici da parte dei giornalisti, mentre la sezione interna al FT della National Union of Journalist, il sindacato della stampa inglese, non si è ancora pronunciata, anche se ha annunciato che sta analizzando molto approfonditamente la questione. “Il Financial Times – ha precisato una portavoce dell’editore – è da sempre alla ricerca di nuovi sistemi per favorire lo sviluppo delle carriere e la gestione della produzione. Questa è solo una delle iniziative in programma”.