I Futures Usa fanno presagire avvio cupo per Wall Street

16 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – I futures statunitensi si confermano in rosso dopo la diffusione di alcuni dati macroeconomici. A meno di un’ora dall’avvio di Wall Street il derivato sul Nasdaq cede lo 0,73% a 1.879 punti, mentre quello sull’S&P500 lima lo 0,66% a quota 1.101, facendo presagire un incipit cupo per la borsa statunitense. Nel dettaglio, l’avvio di nuovi cantieri ha mostrato a maggio un forte calo, pari al 10%. Si tratta del livello più basso dallo scorso dicembre ed era un po’ atteso, data la fine della sospensione di alcune tasse normalmente a carico dei costruttori. Tuttavia gli economisti si aspettavano un decremento meno cosistente. Anche i permessi edilizi sono scesi per il secondo mese consecutivo. Sotto le attese ma nel complesso meno deludenti i prezzi alla produzione, che a maggio hanno registrato il maggior calo da febbraio. Tuttavia gli analisti si attendevano una discesa un po’ più decisa. Le statistiche non sono terminate. Alle 15.15 ora italiana arriveranno quelle sulla produzione industriale e la capacità di utilizzo di maggio, mentre alle 16.30 si conoscerà l’ammontare delle scorte di petrolio negli USA.