I FUTURE RIMANGONO POSITIVI DOPO I DATI MACRO

16 Luglio 2003, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono ancora positivi.

La giornata parte con una serie di indicazioni provenienti dal fronte macroeconomico e da quello aziendale.

Macroeconomia
Il dato piu’ atteso, quello relativo all’indice dei prezzi al consumo di giugno ha segnato un incremento dello 0.2%, sostanzialmente in linea con le attese degli analisti. Per quanto riguarda le scorte di magazzino di maggio si e’ registrato un calo dello 0.2% contro un’attesa per un dato invariato. A questo punto mancano ancora i numeri sulla produzione industriale e sul tasso di utilizzazione degli impianti che verranno resi noti a circa 15 minuti dall’apertura del mercato.

Ricordiamo inoltre che Alan Greenspan terminera’ oggi la sua due giorni nella capitale americana con un intervento sullo stato dell’economia davanti alla commissione del Senato. Difficilmente le linee guida del discorso si discosteranno sensibilmente da quanto riferito ieri di fronte alla Camera. Tuttavia e’ possibile che il Presidente della Fed tenti di correggere leggermente il tono delle sue risposte in merito alle rossime possibili mosse di politica monetaria, in considerazione dell’impatto che queste hanno avuto ieri sul mercato obbligazionario.

Per quanto riguarda la stagione degli utili, oggi, tra gli altri, sono state pubblicate le trimestrali di: EMC (EMC – Nyse), General Dynamics (GD – Nyse), Harley-Davidson (HDI – Nyse), JP Morgan (JPM – Nyse) e Ford (F – Nyse).

Tutte le societa’ quotate sono riuscite a battere le stime degli analisti per quanto riguarda gli utili riportati.

A mercati chiusi verrano poi rese note le trimestrali di: Apple (AAPL – Nasdaq) e IBM (IBM -Nyse).

Alle 14:40 (le 8:40 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 4,10 punti (+0,41%), a 1005,00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in rialzo di 14,50 punti (+0,85%), a 1.309,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 35 punti (+0,38%), a 9.150 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 96,30 e rendimenti al 4,01%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA