I FUTURE DICONO APERTURA IN LIEVE RIALZO

19 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Pubblichiamo le indicazioni relative alla fase di pre-apertura dei mercati azionari statunitensi.
































Indici e future 19 Agosto 2002
Indici Closing cash Settlement price Fair Value premium
S&P500 928,77 928,00 +0,75
DJIA 8.778,06 8.765,00 +9,20
Nasdaq100 996,06 995,50 +2,15
Fonte dati: Ufficio Studi
WallStreetItalia

Alle 09.10 E.T. i future sugli indici americani quotano sopra al Fair Value. Il contratto sul Dow Jones segna +20,00 punti, quello sull’S&P500 +2,10 mentre il Nasaq100 e’ a +5,50.

Gli altri indicatori

  • Il benchmark a 10 anni segna prezzi in ribasso e rendimenti a 4,30%. I prezzi del Treasury a 10 anni che erano cresciuti molto la settimana scorsa hanno restituito tutti i guadagni e anche oltre.
  • Il cambio euro dollaro segna $0,9786 in ribasso rispetto a venerdi’
  • L’oro viene scambiato a Londra a $311,90 l’oncia, in ribasso di $2,70 rispetto alla chiusura di venerdi’.
  • Il benchmark sul crude oil segna $28,54 (+$0,03).

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE SUGLI INDICI












































Indici e future 19 Agosto
2002
Seduta di Borsa Dow Jones Nasdaq Comp. S&P 500
Lunedi’ 12 agosto 8.688,89 (-0,65%) 1.306,84 (+0,06%) 903,80 (-053%)
Martedi’ 13 agosto 8.482,39 (-2,38%)  1.269,28 (-2,87%)   884,21 (-2,17%)
Mercoledi’ 14 agosto 8.743,31 (+3,08%) 1.334,30 (+5,12%) 919,62 (+4,00%)
Giovedi’ 15 agosto 8.818,14 (+0,86%) 1.345,01 (+0,80%) 930,25 (+1,16%)
Venerdi’ 16 agosto 8.778,06 (-0,45%)  1.361,01 (1,19%) 928,77 (-0,16%)
Fonte dati: Ufficio Studi
WallStreetItalia

La settimana appena conclusa e’ stata positiva. La parte del leone e’ stata del Nasdaq. Grazie agli annunci sugli utili positivi e alle difficolta’ che hanno appesantito il Dow Jones, il listino tecnologico ha portato a casa una performance settimanale del 4,20%. Fino a quando il grafico rimarra’ al di sopra il supporto di quota 1.354/55, il target a 1.370/1.373 dove passa la media mobile a 50 giorni sembra raggiungibile.

I TEMI DELLA GIORNATA

Sul fronte macroeconomico alle 10.00 E.T. il Conference Board rendera’ noti i leading indicator relativi al mese di luglio. Il rapporto raggruppa 10 diversi dati per lo piu’ gia’ pubblicati in precedenza. La funzione dovrebbe essere quella di prevedere punti di inversione nel ciclo economico. La componente considerata piu’ importante e’ la differenza tra il tasso d’interesse a 10 anni sul Treasury e il tasso sui fondi federali (Fed funds) che rappresenta una misura dell’inclinazione della curva dei rendimenti del mercato obbligazionario americano.

Tuttavia il mercato in genere non da’ molta importanza a questo dato, visto che la sua efficacia nel prevedere recessioni o riprese economiche, non si e’ dimostrata in passato infallibile. A questa tornata il leading indicator e’ atteso in ribasso dello 0,5% contro un dato invariato del mese di giugno e un rialzo dello 0,6% registrato a maggio.

Sul fronte internazionale da monitorare attentamente le tensioni sul fronte medio orientale e la relativa influenza sul prezzo del greggio. Ipotesi di aumento della produzione potrebbero controbilanciare il confronto USA-Iraq.

Tra i titoli e i settori da tenere d’occhio

  • Vivendi (V – Nyse): continua l’eco degli scandali tra ipotesi di cessione di assets, nuove lineee di credito e ipotesi di bancarotta. Oggi e’ il momento del recupero, con il titolo in forte rialzo.
  • Tyco (TYC – Nyse): dopo ulteriori controlli nei conti della societa’ altri membri oltre Mr. Koslvzky sarebbero potrebbero essere allontanati dal board dellla societa’.
  • AOL Time Warner (AOL – Nyse): la Sec continua ad indacare su transazioni sospette che potrebbero aver inflazionato i conti riportati a bilancio.
  • Citigroup (C – Nyse): dopo Merrill Lynch e’ la volta di Salomon Smith Barney (controllata da Citigroup). Il Broker e’ alle prese con il “duro” procuratore di New York, Spitzer per il suo operato.
  • Amex Airline Index (XAL – Amex): dopo le difficolta’ delle scorse settimane di United Airlines e di altre compagnie aeree, da tenere sotto stretta osservazione tutto il comparto.
  • Morgan Stanley Cyclical Index (CYC – Amex): man mano che gli investitrori istituzionali perdono la fiducia su una ripresa vigorosa e sostenuta, perdono smalto i titoli ciclici e ne acquistano quelli difensivi.
  • Oil Index (OIX – CBOE): i titoli del settore potrebbero sffrire le voci secondo cui l’OPEC sarebbe pronto ad aumentre la produzione di greggio in vista della ripresa della domanda del 2003.
  • Forest & Paper Products (OIX – Phlx): a seguito delle difficolta’ di tutti i titoli ciclici e in particolare di quelli inerenti prodotto per la carta Morgan Stanley ha tagliato il rating di International Paper (IP – Nyse) da over weight a equal weight.

Ecco i titoli interessanti che riporteranno i risultati trimestrali oggi.

  • Lowes (LOW – Nyse): il retailers per prodotti per la casa dovrebbe riportare un utile per azione di $0,54 contro i $0,42 dello scorso anno. Risultati prima dell’apertura.
  • Toys R US (TOY – Nyse): il produttore e distributore di giocattoli dovrebbe riportare una perdita per azione di $0,11 contro i -$0,15 dello scorso anno. Risultati prima dell’apertura.
  • Agilent (A – Nyse): lo spin off di Hewlett Packard dovrebbe riportare una perdita per azione di $0,15 contro i -$0,24 dello scorso anno. Risultati dopo la chiusura.

Tra i titoli in movimento nel pre-borsa

  • Walt Dysney (DIS – Nyse)
  • Oracle (ORCL – Nasdaq)
  • Dell Computer (DELL – Nasdaq)
  • Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq)
  • Brocade (BRCD – Nyse)
  • AT&T Corp. (T – Nyse)
  • Dynegy (DYN – Nyse)
  • JDS Uniphase (JDSU – Nasdaq)

(articolo in continuo aggiornamento)

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA