HIGH-TECH: NASCE IL PRIMO FONDO ‘VERDE’

14 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il gruppo Calvert, che gia’ gestisce $6,7 miliardi in 25 fondi comuni d’investimento indirizzati agli investitori con una coscienza sociale, ha introdotto il primo fondo tecnologico ‘verde’.

Il Calvert Technology Fund investe cosi’ in societa’ del settore high-tech che promettono buoni utili, ma che dimostrano anche valori morali e sociali quali l’intenzione di proteggere l’ambiente e i diritti dei lavoratori.

Un numero sempre piu’ crescente di investitori, infatti, si trova a fare i conti con le questioni sociali sollevate dalla tecnologia: il rischio ambientale legato ai prodotti di scarto creati dalla produzione di semiconduttori e alla quantita’ di computer scartati ogni anno; i diritti umani associati alla produzione high-tech in Paesi dove manca la protezione del lavoratore; i problemi etici che circondano la biotecnologia e l’ingegneria genetica.

Secondo un rapporto del Social Investment Forum il portafoglio gestito in fondi scelti secondo una coscienza sociale e’ cresciuto da $529 miliardi del 1997 a $1,49 trilioni del 1999 e il numero di fondi ‘verdi’ e’ ora pari a 175.

Calvert non vuole fare i nomi di chi e’ sulla sua lista nera, ma tra le societa’ high-tech che rispettano ambiente e diritti umani, e che quindi sono entrate a far parte del suo fondo verde, si conta Cisco Systems (CSCO), Ciena (CIEN), GlobeSpan (GSPN), Jabil Circuit (JBL) e Siebel Systems (SEBL).