Grandi magazzini: colosso britannico HMV in bancarotta

15 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

LONDRA (WSI) – E’ una marca mitica nel mondo della musica mondiale, l’ultimo dei capisaldi europei del settore: HMV, rivenditore di dischi, ora rischia di sparire.

La catena di magazzini britannica, colpita dalla morsa letale formata dalla contemporanea concorrenza spietata di Internet e crisi europea, ha gia’ ordinato la soppressione di 4.000 posti di lavoro.

A prendere la gestione del gruppo, il solo grande attore della grande distribuzione rimasto nel settore nel Regno Unito, nella speranza di trovare dei potenziali acquirenti, e’ stata incaricata Deloitte.

“Il CdA e’ triste di annunciare che non puo’ piu’ continuare a fare business in queste condizioni e dichiara la societa’ in uno stato di insolvenza“.

La procedura di bancarotta avviata da HMV permette alla societa’ in difficolta’ finanziarie di farsi aiutare da un esperto finanziario indipendente per restare operativa.

Il board di HMV ha dato agli amministratori il compito di continuare l’attivita’ mentre Deloitte cerchera’ il cavaliere bianco pronto a rilevare il gruppo.

I titoli sono oggi stati sospesi dalle contrattazione alla borsa londinese.

Fondata 92 anni fa, HMV da’ impiego a circa 4.350 persone. Ma cosi’ come gia’ capitato ai rivali Virgin e Fnac, e’ caduta vittima della crisi del business dei Cd e Dvd musicali e ha pagato a caro prezzo il boom dell’e-commerce e del download online.