GOOGLE SI TINGE DI VERDE E PUNTA AL BIOTECH

11 Ottobre 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il colosso dei motori di ricerca Google sembra non trovare pace. Guadagna spazi in Cina dopo aver annunciato un’alleanza con Sina, principale portale cinese di Internet, realizza partnership con il popolare sito web Tianya.cn. Offre dalle 50 alle 100 volte più spazio di quello messo a disposizione dalla maggior parte dei sistemi rivali di posta elettronica, come Outlook Microsoft o IBM Lotus Storage. Fino alla recente tecnologia Google Apps. E, in Europa, punta a nuove assunzioni, aumentando di un terzo il suo personale.
Massimiliano Magrini ha seguito Google Italia sin dalla fase di start up ed oggi è Country Manager del Gruppo.

Google punta al biotech. Auto ibrida per un milione di dollari, cui si aggiungeranno un’altra tranche da 10 milioni. Avete inoltre investito 3,9 milioni di dollari per rilevare una quota di minoranza di 23andMe, start-up che ha tra i fondatori Anne Wojcicki, moglie di Sergey Brin, a sua volta fondatore della compagnia di Mountain View. L’interesse per l’etanolo e le fonti energetiche pulite cresce…dove volete arrivare?

Siamo molto coscienti del fatto che possiamo avere un ruolo attivo nella protezione ambientale e nella prevenzione. Per questo motivo abbiamo creato un progetto legato all’ambiente, che si esplica in 4 differenti iniziative. Molti dipendenti Google sono attivi in questo e, per parlare di cose anche più piccole ma con un grande impatto a livello locale, stiamo organizzando anche una giornata in cui i dipendenti Google in ogni parte del mondo si riuniranno per pulire una determinata zona della propria città, cosa che avverrà il 13 ottobre.

Sembra sempre più imminente un vostro ingresso nel settore dei software per cellulari. Microsoft possiede una quota del 10% del mercato, voi su che strategie punterete?

Per noi la telefonia mobile è un settore fondamentale nella innovazione della user experience. Mettendo il consumatore al centro, i nostri sforzi sono diretti a sviluppare nella migliore maniera possibile l’interazione che noi utenti abbiamo del Web tramite dispositivi mobili. Siamo sempre focalizzati su questo, e continueremo a studiare le strategie migliori per venire incontro alle esigenze degli utenti.

Se Microsoft acquista yahoo, vi confronterete con un colosso da 350 miliardi di dollari di capitalizzazione di Borsa (Microsoft ora sfiora i 300 miliardi), contro i 147 di Mountain View. Cosa ne pensa dell’operazione finanziaria e su che strategie punterete?

Non basiamo le nostre strategie su quello che fanno altre aziende. La nostra mission rimane la stessa e non è reattiva secondo gli andamenti del mercato.

Acquistando YouTube (la video community pagata lo scorso anno 1,6 miliardi di dollari), avete registrato 528 milioni di visitatori, includendo Il motore di ricerca, Gmail e Youtube, a fronte dei 526,9 milioni di utenti toccati da Microsoft con Live Search, Msn. Cosa farete per essere più competitivi?

Basiamo il nostro successo sui feedback che utenti e clienti ci danno quotidianamente. Questo è quello che maggiormente ci interessa. E’ importante sottolineare il fatto che buona parte delle applicazioni di Google sono aperte, consentono di essere utilizzate e distribuite attraverso un numero estremamente elevato di partners. Questo aspetto ci permette di descrivere Google come un vero e proprio ecosistema all’interno del quale le properties di Google sono una parte. L’ecosistema a mio avviso e’ una delle caratteristiche peculiari che permette di raggiungere direttamente o indirettamente un numero estremamente elevato di utenti.

Nella finanziaria del governo sono del tutto scomparsi investimenti per le Tlc. Che ne pensa?

Bisogna capire come sarebbero stati utilizzati quei soldi. Questo Paese in ogni caso sconta ancora un tasso di adozione della tecnologia alquanto basso, anche se in crescita, per cui sono curioso di sapere cosa farà il governo nei prossimi mesi.

Google ha acquistato DoubleClick, uno dei principali operatori di servizi del settore, per 3,1 miliardi e Microsoft ha risposto comprando aQuantive, altro player della pubblicita’ online per 6 miliardi di dollari. Come sta andando?

L’acquisizione non è ancora ultimata, per cui attenderei la finalizzazione.

Avete acquistato una quota della web community cinese Tianya.cn. Un ingresso ufficiale nel social network in Cina. A quanto ammonta la partecipazione? 10% o 60%? Quanto Google è interessata al mercato cinese?

Sono gli utenti cinesi a essere molto interessati a Google. Il mercato cinese è uno dei più promettenti.