GOOGLE COMPRA DI TUTTO, YAHOO E’ IN AFFANNO

20 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – New York, 20 lug – Google, che ha appena annunciato un rallentamento delle vendite dopo essere cresciuta a ritmi vertiginosi negli ultimi tre anni, sta cercando acquisizioni in tutto il mondo. L’azienda ha dichiarato di aver dato incarico a una dozzina di persone al suo interno di soppesare possibili accordi da finanziare anche grazie alla disponibilità liquida di 11,9 miliardi di dollari. Il motore di ricerca più popolare di Internet ha già annunciato otto acquisizioni nel secondo trimestre, il più attivo da quando è entrata in borsa nel 2004, tra cui quella strategica di DoubleClick per 3,1 miliardi di dollari. “Google sa bene che non può inventare tutto da sola”, dice Todd Dagres, general partner della società di venture Spark Capital. “Il prezzo delle sue azioni è molto attraente e questo le permette di comprare”. Dagres ha ammesso che alcune delle aziende in cui la sua società investe hanno avuto trattative con Google, ma non ha rivelato quali. Gli analisti pensano comunque che se Google comprerà sarà per entrare in un nuovo mercato. E anche se la crescita di Google rallenta, la compagnia ha comunque aumentato lo stacco sulla concorrente Yahoo! Nel business della ricerca su Internet: negli Usa lo share di Google delle ricerche su web è salito al 52,7% a giugno contro il 49,4% di un anno prima, mentre Yahoo è scesa dal 23 al 20,2%. Le probabilità che Yahoo! Venga messa in vendita sono aumentate dopo che il sito ha abbassato le sue previsioni di revenue, hanno detto gli analisti dello Stanford Group, e la Microsoft sarebbe una candidata all’acquisto della compagnia. Le azioni di Yahoo sono scese al prezzo più basso dal 3gennaio e oggi valgono circa 26 dollari. Hanno perso il 19% del valore nell’ultimo anno, contro un aumento del 39% dell’Information Technology Index dello Standard&Poor’s 500. Secondo gli analisti dello Stanford Group, un’unione Yahoo–Microsoft potrebbe essere la giusta risposta allo strapotere di Google.