GOOGLE ARRIVA SU MARTE

14 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Il team di Google continua a sorprendere e a sfornare a ciclo continuo progetti gratuiti e «favolosi». L’ultimo della serie fa parte della sezione «mappatura» e, come già accaduto per Google Moon, Brin e Page abbandonano il pianeta Terra, che forse non basta più alle loro mire. Il nuovo progetto si chiama Google Mars, ed è la trasposizione di Google Map alla superficie marziana.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

SPEDIZIONI MARZIANE – I dati sono quelli raccolti da tutte le spedizioni giunte fino a Marte, dal Mars Lander sovietico del 1971 fino al Beegle 2 Rover lanciato nel 2003. Al momento, il progetto è ancora – come sempre – in via di sviluppo, è possibile volare su Marte alla ricerca della sue caratteristiche orografiche (gli enormi canyon, i vulcani, le dune e i crateri) o delle navette terrestri che sono “ammartate” e alle storie a esse collegate.

VISIONI DI MARTE – Tre le possibili visioni di Marte: così come si vede dal satellite in bianco e nero; con la superficie colorata per altitudine, dai meno 9000 ai più 21.000; e infine visto ai raggi infrarossi. Nei Google Labs, centro di ricerca e sviluppo della società di Mountain View, sono all’opera per rendere tridimensionali le mappe marziane e sperano presto di poter fornire un servizio analogo a quello di Google Earth. A quando il Google Solar System?

Copyright © Corriere della Sera per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved