Google: Aduc, sentenza mette a rischio libertà d’espressione

24 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Tre dirigenti di Google sono stati condannati a sei mesi di reclusione per violazione della privacy in relazione al filmato che riprende le angherie inflitte da compagni di classe a un ragazzo down, caricato sul motore di ricerca nel 2006. Questa sentenza, se fosse confermata nei gradi successivi, potrebbe mettere a rischio tutti i siti che in Italia ospitano contenuti creati dagli utenti, dai social network ai blog, dai motori di ricerca ai forum. Lo si legge in una nota dell’Aduc, Associazione per i diritti degli utenti e consumatori. Questi siti potrebbero dover applicare forti censure preventive o addirittura andarsene dall’Italia, con grave danno per la liberta’ di espressione di ogni individuo che vi abita. Invece di punire gli eventuali responsabili che hanno aggredito la vittima, l’hanno filmata e poi hanno caricato le immagini online, si va a colpire chi offre strumenti di comunicazione e espressione a miliardi di utenti, sotto la pretesa di un mancato, quanto tecnicamente impossibile, controllo preventivo. Un po’ come punire i dirigenti di una casa produttrice di automobili perche’ qualche imbecille guida ubriaco. Aspettiamo le motivazioni, ma ci e’ chiaro, anche da nostre simili esperienze con i nostri forum, che parte della magistratura fatica a comprendere Internet, ancorata ad un codice penale del 1930 a scapito di quei principi costituzionali che sanciscono la liberta’ di espressione e la natura personale della responsabilita’ penale.