Golden Globe all’Italia con “La Grande Bellezza”

13 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino trionfa ai 71esimi Golden Globes e si aggiudica il premio come miglior film in lingua straniera.

“Dodici anni schiavo” di Steve McQueen e “American Hustle – L’apparenza inganna” di Davod O. Russell vincono rispettivamente come miglior film drammatico e miglior commedia o musical e quest’ultimo si aggiudica anche altri due premi in campo femminile con Amy Adams, migliore attrice protagonista di commedia e Jennifer Lawrence, miglior attrice non protagonista, che si rivela sempre di più una delle giovanissime star più interessanti di Hollywood.

Il riconoscimento a Sorrentino è un passo in più verso gli Oscar, le cui nomination saranno annunciate il 16 gennaio. Il film con Toni Servillo ha infatti battutto durissimi avversari come “Il sospetto”, “La vita di Adele”, trionfatore a Cannes, “Il passato” e “The Wind Rises”.

“Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo” ha detto il regista ritirando il suo importantissimo Globo. In campo maschile, come miglior attore di commedia ha vinto Leonardo DiCaprio per l’ultimo film di Martin Scorsese “The Wolf of Wall Street”, mentre Matthew McConaughey, è stato premiato come migliore attore drammatico per “Dallas Buyers Club”, stesso titolo per cui Jared Leto ha vinto come miglior attore non protagonista. La bravissima Cate Blanchett si è aggiudicata il Golden Globe come migliore attrice drammatica per la sua interpretazione in “Blue Jasmine” di Woody Allen.

Per la regia, il premio è andato ad Alfonso Cuaron per “Gravity”, e quello per la sceneggiatura a “Her” di Spike Jonze. Premio per la miglior colonna sonora a Alex Ebert per “All Is Lost” e a “Mandela: Long Walk to Freedom” (Ordinary Love) quello per la miglior canzone.

Il cartoon campione d’incassi “Frozen – Il regno di ghiaccio” ha stravinto come miglior film d’animazione. Infine, in campo tv, tra i vari premi anche quelli a “Breaking Bad” come miglior serie drama, “Brooklyn Nine-Nine” miglior commedia e “Dietro i candelabri”, miglior miniserie e miglior attore Michael Douglas.