Gli Hedge Funds vendono allo scoperto i titoli bancari dopo i risultati degli stress test

16 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – In una notizia diffusa da Reuters lo scorso venerdì 13 Agosto, si rileva che diversi tra i più attivi hedge funds hanno iniziato a vendere allo scoperto diversi titoli bancari europei, consapevoli che i risultati degli “stress test”, diffusi lo scorso mese, sono stati troppo deboli e non in grado di fare chiarezza sui problemi che attanagliano ancora il sistema bancario europeo. Una presa di posizione certamente negativa sul futuro dei titoli bancari, ma prudente in termini dimensionali anche in virtù del momento attuale che vede i mercati azionari in fase laterale. E il recente rialzo è stata un’occasione di vendita, come sottolinea il responsabile della gestione alternativa, Ken Kinsey, a Thames River Capital. Anche i gestori degli hedge funds di Noster Capital avrebbero iniziato a vendere allo scoperto titoli del settore bancario europeo tra cui Barclays, UBS, Intesa San Paolo, Banco di Bilbao e Ubi Banca dopo le critiche che il gestore, Pedro de Noronha, ha fatto sugli stress test ed in particolare sul fatto che questi hanno notevolmente sottovalutato il rischio dei debiti sovrani europei. Tutta questa attività di vendita allo scoperto, subito dopo la pubblicazione degli stress test, ha fatto lievitare il costo del contratto di prestito titoli, oggetto delle vendite più consistenti.