GLI HEDGE FUNDS NEL MIRINO DELLA SEC

10 Aprile 2004, di Redazione Wall Street Italia

Nel mirino di William Donaldson sono tornati gli hedge fund, i fondi speculativi nei quali sono investiti 650 miliardi di dollari. Il numero uno della Sec, la commissione di controllo dei mercati finanziari americani, torna alla carica e chiede che gli advisor dei «fondi chiusi» americani siano registrati in un apposito albo depositato
presso la stessa commissione. La procedura consentirebbe di
attuare controlli più severi.

Nonostante possa intraprendere azioni disciplinari per violazione delle leggi, la Sec non può infatti effettuare alcun controllo sugli hedge fund per accertare la regolarità delle scritture contabili e dei documenti finanziari. Una lacuna che in passato ha reso complicato garantire l’incolumità degli investitori e prevenire disastri finanziari.

Come avvenne nel ’98, ricorda il Wall Street Journal che ieri ha anticipato le mosse della Sec, nel caso del Long-Term Capital Management. Per Donaldson sono indispensabili controlli
più severi sui fondi gestiti dalle partnership «esotiche», cioè
quelle in cui una o più associate hanno sede legale nei cosiddetti paradisi fiscali.