GLI AMERICANI COMPRANO PIU’ BICI CHE AUTO

4 Ottobre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Gli americani comprano più biciclette che automobili e rispolverano il risparmio energetico adottando pratiche da austerity. Per armarsi contro il continuo rincaro del greggio (i carburanti sono aumentati nel 47% nell’ultimo anno) circa 87 milioni di americani hanno deciso di inforcare le due ruote e rimandare l’acquisto di un’auto. A fronte di carburanti aumentati nel 47% nell’ultimo anno, considerando le proiezioni dell’American Automobile Association, e circa 87 milioni di americani hanno deciso di inforcare le due ruote, spiega Tim Blumenthal, direttore dell’Associazione nazionale dei produttori di bici. “Il trend – aggiunge – è destinato a continuare tanto da portare il settore a generare un fatturato compreso tra i 5 e i 6 miliardi di dollari”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

La conferma si trova dando un’occhiata ai dati di vendite delle automobili negli Stati Uniti. Settembre è stato un mese nero per le vendite di tutti i colossi statunitensi, fatta eccezione per la sola DaimlerChrysler che chiude le vendite del nono mese dell’anno in rialzo (+3,7%). Per tutti gli altri il calo è a due cifre. General Motors ha segnato sul mercato di casa un tonfo del 23,9%, a 349.202 unità.

Nel dettaglio, le vendite di furgoni sono scese del 29,5%, mentre quelle di auto sono diminuite del 14,5%. Non va meglio a Ford, che segna una flessione delle vendite del 19%. Per contro, le rivali asiatiche Toyota e Nissan hanno messo a segno il mese scorso, rispettivamente, un incremento delle vendite del 10% e del 16%. Il motivo di dati così negativi è spiegato dagli analisti con almeno due osservazioni. La prima: sono svaniti i benefici sulle vendite di Ford e General Motors portati dalle campagne promozionali dell’estate. E inoltre, l’impennata dei prezzi della benzina ha distolto i consumatori dall’acquisto di prodotti di punta dei due colossi, i Suv, per orientarli invece verso auto più piccole e dai maggiori risparmi di carburante.

Copyright © La lettera finanziaria per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved