Giappone:Vinitaly, Sessanta le aziende in vetrina

22 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Prima volta di Vinitaly in Giappone. Il Paese del Sol Levante si è aggiunto quest’anno alle tappe estere nei principali mercati mondiali e in quelli emergenti dell’importante manifestazione enologica (www.vinitaly.com).
L’inaugurazione ufficiale di Vinitaly Japan si è svolta, ieri, presso il New Otani Hotel di Tokyo, dove sono in programma seminari organizzati in collaborazione con Buonitalia e altri di degustazione dedicati ai vini di Sicilia e del Veneto, a cura rispettivamente dell’Istituto regionale della vite e del vino della Sicilia e di Uvive – Unione consorzi vini veneti Doc. Una sessantine le aziende italiane presenti, di queste una quarantina partecipano al workshop commerciale organizzato con cinquecento tra importatori, distributori, stampa e opinion leader giapponesi. La trasferta in Giappone arriva in un periodo di ripresa per l’export italiano nel Paese del Sol Levante.
“Nei primi otto mesi di quest’anno – spiega Camillo Cametti, consigliere di Veronafiere, con delega all’internazionalizzazione – l’export italiano di vino in Giappone è ammontato a quasi 62,4 milioni di euro, contro 56,4 dello stesso periodo dello scorso anno. Si tratta di quasi 18,8 milioni di litri, rispetto a 16,7 del periodo gennaio-agosto 2005”. “Per organizzare Vinitaly Japan ci siamo avvalsi dell’esperienza che abbiamo acquisito come Veronafiere nel corso di molti anni di attività nel Far East, in Russia e Usa, ponendoci come sistema integrato di promozione attivo 365 giorni all’anno al servizio di tutte le aziende che vogliono andare all’estero – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale dell’Ente fiere veronese -. Questa missione in Giappone, tra l’altro – conclude Mantovani -, precede l’ottava edizione di Vinitaly China, in programma a Shanghai dal 23 al 25 novembre prossimi”.
In Giappone i vini italiani godono di un alto posizionamento e l’aumento dei consumi in atto va sostenuto facendo conoscere, attraverso momenti di cultura enologica come quelli organizzati nell’ambito di Vinitaly Japan, le migliori produzioni italiane e la loro storia, che ben si abbinano con la cultura millenaria del Paese asiatico. I giapponesi, tra l’altro, sono consumatori attenti al prodotto e amano capirlo. Le prospettive commerciali sono molto interessanti, perché in questo Paese, che non ha una tradizione enologica, più di due terzi della popolazione di età superiore ai diciotto anni beve vino.
I consumi medi annuali sono per ora di soli due litri pro capite, ma i giapponesi che bevono vino abitualmente hanno consumi simili a quelli europei.