Giù l’azionario, l’oro torna a correre

7 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Torna a correre il prezzo dell’oro, visto come bene rifugio in una sessione dominata dai rinnovati timori sullo stato di salute della finanza in Europa. Mentre le autorità sono alle prese con la definizione di nuove regole sul capitale, il Wall Street Journal lancia un’allarme sull’efficacia degli ultimi stress test condotti sulle banche europee, affermando che i metodi adottati hanno sottostimato i rischi. Non hanno poi aiutato i deludenti dati sugli ordini all’industria della Germania. La giornata “no” dell’azionario si traduce così in una corsa verso il metallo giallo, con il contratto future sul Gold per consegna dicembre che si porta a 1.258 dollari l’oncia, segnando un incremento del 7% dopo essersi spinto fino a 1.261 dollari. Il prezzo spot si attesta invece a 1.256,68 dollari.