Germania: Hitler cittadino onorario in numerose città

14 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Sono cittadine di cui anche i tedesch conoscitori della geografia locale hanno difficilmente sentito mai parlare.

Ma posti come Bassum, Helsa, Nittendorf-Etterzhausen e Nortorf riempiono di tanto in tanto i titoli dei principali quotidiani nazionali perché condividono una caratteristica molto particolare: sono comunità che dopo tre quarti di secolo non hanno ancora revocato la cittadinanza onoraria a Adolf Hitler

In passato alcuni sindaci hanno spiegato che la polemica inutile, in quanto secondo loro la cittadinanza cessa con la morte dell’interessato.

Come riporta lo Spiegel online una nuova cittadina è diventata suo malgrado il centro dell’attenzione dei media. Goslar, la città natale del leader del partito dei Social Democratici Sigmar Gabriel, ha finalmente preso la decisione di ritirare la cittadinanzia onoraria assegnata al Fuhrer negli Anni 30 e mai revocata dopo il collasso del Terzo Reich nel 1945.

A complicare la questione ci si è messo lo stesso politico di centro sinistra, che ha cambiato idea sulla revoca. Prima era a favore, ora lo ritiene un atto simbolico che rischia addirittura di essere contro producente.

“È un tentativo di spazzare via qualcosa che non può essere dimenticato”, ha detto il principale sfidante della Cancelliera Angela Merkel alle prossime elezioni generali di settembre.

Il concetto espresso è che revocare la cittadinanza per cancellare la memoria di qualcosa che non si potrà mai dimenticare “è forse sbagliato”.

In totale circa 4 mila cittadine tedesche hanno assegnato l’onoreficenza all’ex leader nazionalsocialista che ha governato per 12 anni. Gran parte di queste, ma non tutte, hanno rimosso il suo nome subito dopo la caduta del regime nazista.