Germania, cresce a sorpresa la fiducia degli imprenditori

11 Agosto 2020, di Massimiliano Volpe

Nonostante le preoccupazioni per la crescita del numero dei contagi in Germania, gli imprenditori tedeschi hanno evidenziato a sorpresa un aumento della fiducia per l’andamento della congiuntura nei prossimi mesi.
La lettura di agosto dell’indice Zew, che misura il sentiment economico per la Germania, è aumentato in modo significativo rispetto al mese precedente, dopo essere diminuito leggermente a luglio. Il dato ha raggiunto i 71,5 punti, 12,2 punti in più rispetto al mese precedente. Un valore superiore alle attese degli analisti.

“Le speranze per una rapida ripresa dell’economia hanno continuato a crescere, ma la valutazione della situazione in Germania sta migliorando solo lentamente”, ha commentato Achim Wambach presidente dello Zew. “Secondo le valutazioni dei singoli settori, gli esperti prevedono una ripresa generale, soprattutto nei settori domestici. Tuttavia, le aspettative di ripresa sono ancora molto basse per il settore bancario e quello assicurativo, sottolinea Wambach.

L’indice Zew è un indicatore che misura la fiducia delle imprese e deve il nome all’istituto che svolge l’indagine, il Centre for European Ecnomic Research, in tedesco: Zentrum für Europäische Wirtschaftsforschung.
A differenza di altri indici sul sentiment, lo Zew è frutto di un’indagine condotta presso 350 esperti del settore economico ed è costruito come la differenza fra la percentuale di ottimisti e di pessimisti. L’indice viene poi riportato in una scala di valori in cui la linea dello zero separa aspettative negative in basso, dalle aspettative positive in alto.

Economia tedesca debole nel 2020

La situazione della congiuntura rimane comunque complessa salvo colpi di scena inaspettati. Nelle scorse settimane la Germania aveva reso noto che nel secondo trimestre di quest’anno, il Pil del Paese è crollato del 10,1%. Secondo l’ufficio federale di statistica si tratta del peggior calo dell’indicatore dall’inizio delle misurazioni trimestrali del Pil in Germania nel 1970. Una flessione che va oltre il precedente record del -4,7% nel primo trimestre del 2009, al culmine della crisi finanziaria.
Nei prossimi trimestri gli economisti si attendono una moderata ripresa visto che secondo le stime del Fondo monetario internazionale nel 2020 l’economia della Germania dovrebbe registrare una contrazione del 7,8% su base annua per poi riprendersi nel 2021 e 2022.